Google permite descripciones más extensas en los SERPs pero no todas - Untitled 2

Google consente descrizioni più lunghe nelle SERP ma non tutte

Quante volte hai voluto inserire una parola chiave nella “meta-descrizione” di una landing page che stai ottimizzando? Se lavori sulla SEO o sull’ottimizzazione dei motori di ricerca, conosci sicuramente i limiti di caratteri di Google e in più di un’occasione ti è capitato di voler includere più contenuti nei titoli e nelle descrizioni. Dopo l’espansione il numero di caratteri consentito nel titolo mobile nel 2016, a dicembre 2017 sono arrivati ​​gli snippet o le meta descrizioni più ampie, e ora sembra che non si allunghino per niente e si riducano un po’ tornando alle origini… ora approfondiamo nel tema e ti dice lo stato attuale della lunghezza degli snippet.

Articoli correlati:

Quali sono gli snippet in primo piano delle SERP

Gli snippet in primo piano, che sono quelle risposte alle domande sulla stessa pagina dei risultati di ricerca, le SERP, che appaiono appena sotto la casella di ricerca, sono aumentate di dimensioni, come si può vedere nell’immagine seguente.

Google consente descrizioni più lunghe nelle SERP ma non tutte - Snippet più lunghi in Google Serps 01

Quali sono le ultime modifiche alla lunghezza degli snippet

Le modifiche e i test nei risultati di ricerca di Google seguono un’evoluzione costante. Mesi fa, Google ha concluso l’ultimo esperimento con Snippets, di cui abbiamo appreso grazie al portale Search Engine Journal.

Di recente abbiamo apportato una modifica per fornire snippet più descrittivi e utili per aiutare le persone a capire meglio se le pagine sono pertinenti alle loro ricerche. Di conseguenza, sono stati creati frammenti o frammenti leggermente più lungocome di solito.

READ  'SEonthebeach', l'evento più estivo per godersi il marketing online

Google negli ultimi mesi ha aumentato la dimensione degli snippet in media a 230 caratteri, arrivando in alcuni risultati fino a 320. Ma ora, in un certo senso, sta andando indietro.

Per andare al sodo, se da dicembre 2017 c’era un’alta probabilità che uno snippet più lungo venisse visualizzato se la query dell’utente lo richiede, a maggio 2018 non sono così brevi come prima di dicembre 2017, ma nemmeno così brevi. come ultimo aggiornamento del 2017. In breve, Google ora conferma (a partire dal 15 maggio 2018) che gli snippet verranno generati dinamicamente, quindi saranno più o meno lunghi se è il modo migliore per soddisfare la query dell’utente.

Quali vantaggi possono apportare ai professionisti del posizionamento SEO?

non cambiare ancora nientepoiché per ora sarà l’algoritmo stesso di Google ad estrarre lo snippet o la descrizione in ciascuno dei diversi casi.

Infatti, Danny Sullivanex direttore di Search Engine Land e attualmente dipendente di Google, consiglia di non impazzire ora e di espandere le descrizioni, né di ridurle d’ora in poi, poiché è un processo dinamico che Google utilizza a seconda del tipo di query l’utente lo fa.

Come attualmente, Google non mostra sempre la meta descrizione che è stata assegnata manualmente a una pagina, poiché in alcuni casi Google può estrarre una parte di testo dal corpo del contenuto e utilizzarla come meta descrizione.

Cambiamenti costanti nelle SERP o nei risultati di ricerca

Se Google ha implementato da tempo il cambiamento significativo nel design delle SERP, da rimuovi la colonna degli annunci sponsorizzati (SEM) che compariva a destra, ora si comprende meglio il motivo per cui è stata apportata questa modifica, poiché allo stesso tempo si è notato che anche la colonna principale della pagina dei risultati di ricerca era più ampia.

READ  Come ottimizzare le tue campagne Google Adwords

Google ha aumentato notevolmente la colonna dei risultati di ricerca, passando da avere più o meno 500 pixel ad avere 600 pixellasciando più spazio per “Titoli” e “Meta descrizioni”.

Questi cambiamenti hanno avuto un impatto, poiché d’ora in poi, e sicuramente con grande gratitudine di tutti i professionisti SEO, Google ha aumentato il numero di caratteri negli snippet che includono la descrizione della pagina in questione che compaiono nelle SERP, quindi potevo influiscono in maniera molto significativa e positiva nei risultati organici, il miglioramento del CTR.

Uno dei vantaggi più notevoli che questi ultimi cambiamenti possono portare, è al momento di poterlo fare ottimizzare più parole chiave a coda lunga, poiché avendo più o meno spazio si possono inserire parole chiave a coda lunga che fino ad ora potrebbero non essere state incluse per mancanza di spazio. Questo fatto può essere molto utile per poter includere testi più naturali e non così ottimizzati.

Suggerimenti per aumentare gli snippet o le descrizioni nelle SERP di Google

Tuttavia, NON ti consigliamo di ottimizzare eccessivamente gli snippet o le descrizioni, dal momento che Google fino ad ora non è stato molto favorevole al superamento di 165 caratteri nella meta descrizione. Per questo motivo, ti offriamo questi suggerimenti o consigli quando si tratta di ottimizzare le tue descrizioni:

  • Tutte le pagine devono avere una descrizione.
  • Tutte le descrizioni devono essere originali. Puoi facilmente verificare se ci sono duplicati dallo strumento Screaming Frog, tra gli altri.
  • Approfitta di queste parole chiave target nelle descrizioni, purché forniscano qualità e, soprattutto, migliorino il tuo CTR.

Puoi provare ad aumentare alcune delle tue descrizioni di una pagina specifica per eseguire dei test, e quindi vedere quale snippet raccoglie e, in base a quello che appare, lo ottimizzi, con più testo o meno. Naturalmente, ricorda che un volume elevato del tuo traffico organico può arrivare grazie a quella descrizione, quindi non provare pagine che ti portano molti affari o sono importanti, poiché il tuo CTR (Click Through Rate) può essere danneggiato.

READ  Google MUM: la morte della SEO come la conosciamo

Qui ti forniamo uno strumento SEO che può essere molto utile per contare i caratteri dei titoli e delle descrizioni.

Inoltre fino a non molto tempo fa si potevano inserire solo 60 caratteri per scrivere il titolo, non solo perché Google lo consiglia, ma perché era quello che poi è apparso nei risultati di ricerca, ora possiamo scrivere fino a 70 o 78 caratteri, avendo più spazio per includere qualche altra parola chiave target o un invito all’azione (CTA), avendo la possibilità di creare titoli e descrizioni più informativi e ottimizzati. Il fatto di poter includere nei meta tag la parola chiave target “extra” occasionale è uno dei maggiori vantaggi che Google ha consentito, poiché fino ad ora includere più parole non serviva per migliorare il CTR in quanto non veniva letto da utenti nella pagina dei risultati.

Sei interessato a saperne di più sul mondo della SEO e del posizionamento? Allora forse sei interessato al Master in SEO e Search Engine Optimization che facciamo in IEBS, 100% pratico e online. Rallegrarsi!

Torna su