Branding: la estrategia de marca corporativa con la que alcanzar el éxito - marca corporativa

Branding: la strategia del marchio aziendale con cui raggiungere il successo

Quando parli di marca, la maggior parte delle persone pensa a un’immagine aziendale, un simbolo, colori, elementi sorprendenti che ci ricordano un’azienda, un prodotto o un servizio. Certo, una buona immagine è di per sé una buona lettera di presentazione, come la musica o un personaggio, ma è perché trasmette ‘qualcosa’, suggerisce ‘qualcosa’, provoca ‘qualcosa’… Un marchio aziendale è molto più di quello che vediamo.

Il proprietario di un negozio di scarpe crede di vendere scarpe, sei determinato a pensare a come fare in modo che i potenziali clienti che passano davanti alla tua finestra finiscano per comprare un paio di scarpe. Ciò che fanno offerte, campagne o promozioni specifiche è attrarre acquirenti che approfittano dell’affare ma alla fine dimenticano anche dove hanno acquistato quel paio di scarpe. Anche, quel calzolaio ha torto, quello che vende veramente è il suo marchio.

Articoli correlati:

Il successo del tuo marchio: la tua immagine aziendaletivo

La chiave del successo della tua attività sta nell’immagine aziendale serigrafata sulla tenda del negozio, nella decorazione dei locali, nel tipo di luce, nella vetrina, nella disposizione delle scarpe… ma anche, per il trattamento del cliente, il rapporto con i fornitori, l’ambiente di lavoro… e, inoltre, per la cosa più importante, per i tuoi valori e la tua personalità.

I valori e la personalità di un marchio costituiscono l’essenza e il punto di partenza per il suo sviluppo e posizionamento. I valori, internamente, aiutano a prendere decisioni, conoscono la direzione da impostare, creano una squadra, definiscono il modo di lavorare… e, esternamente, condizionano l’immagine visiva, l’immagine aziendale, ma anche l’immagine percepita, come gli utenti riguardano il marchio. Impegno, innovazione, integrità, qualità, responsabilità, gentilezza, fiducia… sono tanti i valori che si possono definire e sui quali costruire l’identità di un’azienda, di un prodotto o di un servizio.

READ  Google Hire o Google for Jobs: la nuova piattaforma per l'impiego di Google

I brand hanno personalità?

In quanto persone giuridiche, anche i marchi hanno una vita, hanno una loro storia che, come per il resto delle persone fisiche, ne condiziona e forgia la personalità. Questo aspetto è molto importante perché sta alla base del rapporto con il cliente, fornitori e dipendenti. Un marchio aziendale può essere innocente, guerriero, saggio o ribelle, perché ha personalità. E qui abbiamo la manna e la terra promessa. Qui abbiamo il modo per ottenere la differenza nel mercato e la distinzione con il resto dei marchi.

Pertanto, quando si vuole creare o ripensare un brand aziendale, bisogna partire definendone i valori, l’essenza, la personalità e cercando la propria storia. Ciò costituisce la base per lo sviluppo dell’immagine aziendale, per sapere quale tipografia è appropriata, quali colori sono allineati, come dovrebbe essere la decorazione dei locali e degli spazi di lavoro, ecc. Oltre al rapporto con l’ambiente, gli utenti, i fornitori ei dipendenti.

Non resta che posizionare il brand aziendale, comunicarlo, creare reputazione, sviluppare una strategia digitale e transmediale. Quasi niente, vero? Questo deve essere fatto internamente ed esternamente. Definire lo SWOT, conoscere i punti deboli per rafforzarli, le minacce per contrastarli, i punti di forza per migliorarli e le opportunità per raggiungerli. Si fa internamente formando una squadra allineata ai valori ed esternamente rendendo il cliente partecipe della storia in modo che si identifichi con il brand e si ricordi dove ha comprato le scarpe.

In Seminario webhai scoperto i pro e i contro della creazione di un marchio aziendale, come posizionarlo, renderlo impattante e attirare l’attenzione del cliente, un compito che sembra facile ma che abbiamo visto nel medio-lungo termine non lo è.

READ  Il futuro della società spagnola nell'era digitale: tendenze e opportunità del mercato
Torna su