Nuevos espacios de trabajo para motivar a tus empleados - nuevos espacios de trabajo

Nuovi spazi di lavoro per motivare i tuoi dipendenti

Come abbiamo già accennato in articoli precedenti, una delle maggiori preoccupazioni delle aziende è la produttività della propria forza lavoro. Sebbene le prestazioni spesso dipendano dalle capacità di ogni persona, c’è sempre un elemento comune che è anche molto importante: lo spazio di lavoro.

Dopo l’egemonia dell’Open Plan o del lavoro collaborativo, le aziende hanno capito che qualcosa non funziona. Secondo gli esperti, gli uffici con tavoli condivisi fanno perdere la concentrazione ai dipendenti e notano anche una mancanza di privacy. Sebbene il lavoro di squadra possa sembrare la soluzione per aumentare l’efficacia, la verità è che continue interruzioni da parte dei coetanei e il distrazioni visive riducono a nulla i presunti benefici del lavoro collaborativo. In questo articolo analizzeremo i principali problemi che esistono nella routine dei dipendenti e come possono essere risolti con miglioramenti negli spazi di lavoro.

ci distraiamo troppo

Una delle cose che più distraggono secondo Jason Fried, fondatore dell’azienda Basecamp, sono le riunioni (o le riunioni) e, sebbene sia un paradosso, i capi danneggiano anche la concentrazione quando parlano con i propri dipendenti. Secondo Fried, il problema non sono i social network ma interruzioni che i lavoratori non controllano, come quelle causate da altri colleghi. Inoltre, le riunioni rappresentano una grande perdita di produttività, poiché se una riunione è frequentata da 10 dipendenti e dura 1 ora, il volume totale di lavoro perso in azienda è di 10 ore.

Passiamo troppe ore seduti davanti al computer

Sebbene siano iniziate ad essere attuate misure per aumentare la produttività, la strada da percorrere è ancora lunga. In Italia, ad esempio, le aziende stanno iniziando a implementare orari flessibili, che danno un margine di circa 40 minuti sia all’ingresso che all’uscita. Nonostante questi sforzi, il vero problema è la cultura del presenzialismo che prevale in questo Paese, o per lo meno che sia ben visto da capi e colleghi passare molte ore davanti al computer.

READ  Risoluzione dei conflitti: chiave per il successo professionale e personale

Per aumentare la produttività, i lavoratori dovrebbero idealmente essere in grado di farlo lavorare per obiettivi e non per ore, il che significherebbe poter conciliare il lavoro con la vita familiare. Senza andare oltre, ci sono molte aziende in cui nessuno firma, perché ciò che conta sono i risultati e si incoraggia l’autogestione.

Nuove dinamiche e spazi di lavoro

Se fino ad ora abbiamo analizzato le problematiche che troviamo in un ufficio, è tempo di parlare di possibili soluzioni. Ne risultano continue distrazioni e lunghi orari di lavoro lavoratori frustrati con poca voglia di socializzare, imparare o essere produttivi.

Secondo gli esperti consultati da El País, la soluzione a questi problemi risiede negli uffici ibridi che, oltre a mantenere gli spazi condivisi, dispongono di nuove stanze che rispondono a diverse esigenze: riunioni interne ed esterne, telefonate, lettura, brainstorming o riposo.

La chiave è progettare spazi umanizzati, ovvero che siano familiari e il più possibile simili a un bar, una biblioteca o un soggiorno. Avere uno spazio di lavoro che trovano solo alla fine della giornata lavorativa consente ai dipendenti di trovarsi in ambienti amichevoli senza tanto stress dove possono concentrarsi meglio. Uno dei pionieri di questa nuova tendenza è Google, famoso per aver concepito spazi 100% familiari.

Gli edifici delle grandi aziende non hanno tardato ad adattarsi a questo nuovo concetto: i lavoratori non hanno più a posizione fissa assegnatavengono e si siedono dove possono, e l’hanno fatto aree di sosta per potersi disconnettere. Anche il fatto che i lavoratori parlino tra loro per socializzare è importante e per questo ora sono installati comodi divani e sedie che emulano i soggiorni. Un buon esempio di questo nuovo concetto di ufficio è la sede spagnola dell’azienda microsoftdove i dipendenti hanno un armadietto per riporre tutti i loro effetti personali e possono sedersi dove vogliono.

READ  Demotivazione lavorativa: un problema per l'azienda e per il lavoratore, come superarlo?

Investi nella felicità dei lavoratori

Come abbiamo discusso in un altro articolo, ci sono incentivi molto semplici per mantenere i lavoratori motivati. Continuando con l’esempio delle grandi multinazionali che portano la bandiera dell’innovazione, parleremo di 3 nuove tendenze a cui Forbes ha fatto eco:

  1. vacanze illimitate. Aziende come Netflix, Zynga o Groupon non pongono limiti al periodo di ferie dei propri dipendenti.
  2. Impostare i fine settimana di 3 giorni. Ciò si verifica in alcune società di progettazione o creazione di applicazioni come Treehouse o Basecamp, poiché, secondo i loro manager, “lavorano in modo intelligente invece di lavorare per lunghe ore”.
  3. Porta il tuo cane al lavoro ogni giorno. Anche se può sembrare uno scherzo, sia Google che Amazon consentono ai dipendenti di portare i loro cani al lavoro perché gli studi dimostrano che riduce lo stress.

Questi cambiamenti di cui abbiamo parlato si verificheranno solo se le aziende cambieranno la loro filosofia e definiranno un nuovo modello di spazio di lavoro. Se pensi che la cosa più importante in un’azienda siano le persone che ci lavorano e vorresti dedicarti alla gestione delle risorse umane, puoi dare un’occhiata al Post-Laurea in Risorse Umane e Management Innovativo 2.0 di IEBS. E se hai trovato interessante questo articolo, non dimenticare di condividere!

Torna su