Storytelling per imprenditori: le tre storie che dovresti conoscere

Sei un imprenditore e vuoi distinguerti dalla concorrenza? Sai come catturare l’attenzione del tuo pubblico in mezzo a così tante offerte? Ti piacerebbe avere uno strumento per valorizzare il tuo brand?

Se hai risposto Sì a tutte e tre le domande, la risposta è racconta una bella storia. Chi, di fronte alle parole magiche “c’era una volta…” non ha interrotto quello che stavano facendo ed è stato disposto ad ascoltare?

E le storie sono avvincenti, ci piacciono. Il nostro cervello ha bisogno di loro. E hanno anche molti altri vantaggi:

  • Ti permettono di catturare l’attenzione.
  • Creano un legame.
  • Facilitano la comprensione.
  • Danno senso all’esperienza.
  • Riducono la resistenza all’ascoltarci.

Per tutti questi motivi, è una buona idea usa le storie nella tua strategia di marketing (e anche branding). In questo articolo ve ne daremo alcuni idee in modo da poterle utilizzare in modo appropriato.

Cos’è la narrazione

Definiamo lo storytelling come l’arte di raccontare storie. Pertanto, la prima cosa che dobbiamo fare è essere d’accordo su cosa sia una storia. Qual è la tua definizione? Un susseguirsi di eventi ordinati nel tempo? Sì, ma manca un elemento molto importante: le emozioni.

Sono le emozioni che creano legami tra le persone. I link creano relazioni e le relazioni ci consentono di vendere i nostri servizi. Non importa se sei un piccolo imprenditore o una grande azienda. Se non sai come generare emozioni positive nei tuoi potenziali clienti, non venderai.

E le buone storie hanno la capacità di generare emozioni positive. Se hai intenzione di utilizzare lo storytelling nella tua strategia di marketing, ricorda questo: senza emozione, non c’è storia.

Un esercizio. Ti invito a guardare questo annuncio:

READ  Comunicazione Emotiva su Instagram per differenziare il tuo brand

Ti è piaciuto? Come ti sei sentito quando l’hai visto? Ha generato in te emozioni positive riguardo all’azienda che è stata pubblicizzata? Hai notato se in qualsiasi momento dell’annuncio è stato detto “vola con noi”?

Questo è un ottimo esempio di storytelling nella pubblicità. Una pubblicità che suscita emozioni positive e non ha bisogno di dire “compra”. Un annuncio che genera un collegamento.

Questo tipo di storia è noto come valori in azioneuna storia che vuole illustrare i valori dell’azienda affinché il pubblico possa identificarsi in essa.

Narrazione per affari

Ci sono altri tipi di storie usate nel mondo degli affari. Vediamo i più importanti:

storie del genere chi sono io. Questo tipo di storie serve per presentarci, in modo che il pubblico ci conosca. È la nostra storia personale e, come in ogni bella storia, deve esserci un conflitto, una sfida che abbiamo dovuto affrontare e da cui siamo usciti più forti, che ci ha aiutato a crescere. Alla gente piace vedere che anche chi ci parla ha problemi come noi ed è capace di superarli, perché questo ci ispira, ci aiuta.

Sei mai stato a un bivio nella tua vita? Perfetto, ora hai il materiale di base per costruire la tua storia. Spiega come ti sei sentito e cosa hai fatto per uscire dalla routine. Non aver paura di mostrarti, non devi nascondere che ti sentivi insicuro, che avevi paura o dubbi. Questo ti rende umano e ti collega agli altri. Sii autentico, non inventare cose o esagerare. La mancanza di onestà è facilmente rilevabile e l’autenticità ha un premio: la fedeltà del pubblico.

storie del genere per cosa sono qui. Questi tipi di storie servono a spiegare la nostra missione. Se hai realizzato il piano strategico della tua attività, sicuramente il concetto di missione ti è familiare. la storia per cosa sono qui è usato per spiegare il piano in forma di storia.

READ  Cos'è il copywriting e come può aiutarti a moltiplicare le tue vendite

La missione riguarda lo scopo. Perché facciamo quello che stiamo facendo? Perché siamo entrati in questo business? Di solito ha a che fare con il miglioramento di qualcosa nel nostro ambiente, con il lasciare il mondo un po’ migliore di come lo abbiamo trovato. Sei un avvocato perché quando eri piccolo hai assistito a un’ingiustizia e le tue budella si sono capovolte? Contalo. Ti dedichi alla tecnologia perché vuoi rendere più confortevole la vita delle persone? Spiegalo.

Tutto ciò che facciamo ha un perché. Trova la tua e costruisci la tua storia.

storie del genere visionario. Torniamo al piano strategico. La visione è ciò che vogliamo diventare in pochi anni. Steve Jobs era un visionario e ha cambiato per sempre il modo in cui ci relazioniamo alla tecnologia. La visione ispira, trasforma i nostri clienti in prescrittori. Gli utenti Apple sono più che semplici consumatori, sono apostoli del marchio.

Qual è la tua visione? Come ti vedi tra qualche anno? Puoi costruire una storia dalla tua visione?

Ecco un esempio di questo tipo di storia. “Ho un sogno” di Martin Luther King:

elementi di una storia

Ogni storia ha una struttura:

Cominciare. È la presentazione, l’approccio della situazione iniziale. Può darsi che il conflitto non sia ancora apparso qui o cominci già a farsi sentire. L’importante è che, a un certo punto, accada qualcosa che ci porti alla parte successiva della storia.

Nodo. Qui il conflitto viene sollevato apertamente e il protagonista cerca soluzioni per risolverlo, sebbene non le abbia ancora trovate (altrimenti la storia finirebbe qui). La cosa importante di questa fase è che l’apprendimento e la crescita avvengano qui. E questo è ciò che consentirà di risolvere il conflitto.

READ  Le chiavi di un marchio: tono, voce e personalità

Risultato. Dopo diversi tentativi, il protagonista trova la soluzione e risolve il problema. Non è più lo stesso dell’inizio. È più saggio. Ha imparato, si è evoluto, è cresciuto. E ha vinto.

7 consigli per creare la tua storia

# 1 Applica questa struttura alle tue storie, ti aiuterà a costruirle e a dar loro un senso.

#Due Conosci te stesso. Più conosci te stesso, migliori saranno le storie che costruirai.

#3 Sii te stesso, al pubblico piace l’autenticità.

#4 Coinvolgi il pubblico nella tua storia, fallo partecipare. Se il pubblico non si sente identificato con la storia, non verrà creato alcun collegamento.

#5 Proietta le tue idee. Racconta al tuo pubblico la tua visione, la tua missione e i tuoi valori.

#6 Usa il senso dell’umorismo, non c’è niente di meglio per mettere il pubblico in tasca.

#7 Le storie sono uno strumento molto potente. Evita la tentazione di manipolare e imbrogliare con la tua narrazione perché può tornare a perseguitarti.

Per finire, un altro magnifico esempio. Il discorso di Steve Jobs alla Stanford University. Una magnifica fusione di tre storie che vi invito a godervi. Scommetto quello che vuoi che non ti lascerà indifferente:

E colora colorado…

Questo argomento ti ha interessato? Sei un imprenditore e vuoi conoscere tutte le chiavi dello Storytelling per applicarlo nella gestione della tua azienda? Ti invito a iscriverti Webinar “Storytelling per imprenditori: le tre storie che dovresti conoscere”, che darò il prossimo alle 18:00 per IEBS.

Torna su