Le chiavi di un marchio: tono, voce e personalità

Le chiavi di un marchio: tono, voce e personalità

Da dove vengono i Love Brands? In che modo alcuni marchi sono riusciti a ispirare quella fedeltà? Il segreto è saper generare empatia. Ma non è una cosa facile, per ottenerla devono definire e affinare la propria personalità, voce e tono. La personificazione del marchio è un fenomeno che aumenta il coinvolgimento del pubblico e migliora le loro interazioni con le aziende. Ce lo rivela Laura Bolón, direttore creativo di DoubleYou quali sono le chiavi di un brand che attrae e coinvolge gli utenti.

Indice dei contenuti:

Potrebbe piacerti anche: Come fare Storytelling per migliorare l’esperienza dell’utente

Che cos’è la personalità del marchio?

Laura Bolón definisce Brand Personality come l’insieme delle caratteristiche umane che vengono attribuite a un marchio. Qualcosa con cui il consumatore può relazionarsi, provare attrazione o rifiuto. Il pubblico può identificarsi con lei o identificarsi con gli altri.

I marchi di maggior successo e soprattutto I Love Brand hanno una personalità fortemente definita. Ecco perché è una delle chiavi principali di un marchio di questo tipo.

la personalità è un valore aggiunto alle proprietà di un marchio che si sommano ai suoi vantaggi funzionali (buon prodotto, design, buon prezzo, distribuzione). Dovrebbe essere definito dopo aver trovato il tuo obiettivo. La personalità non dovrebbe cambiare nel tempo o i diversi contesti, ma puoi adattare il modo in cui viene trasmesso.

Come definiamo la personalità di un marchio?

È utile immagina il marchio come una persona o un personaggio, secondo Laura Bolón. Possiamo qualificarci più o meno, ma dobbiamo tenere a mente che l’utente non passerà troppo tempo a conoscerci, quindi inizialmente la personalità non dovrebbe avere troppi strati. Non è un personaggio di un film, è qualcosa di più superficiale. Non dobbiamo avere una mascotte del marchio, immagina il marchio come una persona un esercizio che aiuta a concepire la personalità.

READ  Transmedia Narrativa e Storytelling: l'arte di raccontare

la personalità deve essere una conseguenza della realtà del marchio o azienda, i suoi valori e la mission aziendale. Se non c’è verità, non c’è coerenza. Inoltre la personalità del marchio deve permeare tutto.

Gli archetipi di Jung

Questi dodici archetipi di comportamento segnano un modello di comportamento universale, riflettente una specifica personalità. Continuano ad essere uno degli strumenti principali per definire la Brand Personality. Puoi basarti su di essi per vedere dove si adatta il tuo marchio.

Le chiavi di un brand: tono, voce e personalità - Design senza titolo 16

Cos’è BrandVoice?

Brand Voice è la voce di un marchio e il modo in cui il marchio trasmette la sua personalità al suo pubblico. Allude al comportamento del marchio e provoca una risposta emotiva nel suo pubblico: attrazione, curiosità, rifiuto, divertimento, interesse… onnicomprensivo, dalle parole e dal linguaggio che usi alla tua immagine, azioni e risorse di marketing. Ha un ruolo chiave nel la capacità del marchio di trasmettere il proprio messaggio in modo pertinente e duraturo.

Tutto ciò che arriva all’utente dal marchio arriva attraverso la tua voce. Laura Bolón insiste sul fatto che per distinguersi dal rumore pubblicitario, la chiave è ricordarlo l’archetipo è comune, ma la voce e la personalità sono originali.

Come definiamo la voce di un marchio?

dovere capire le sfumature della nostra voce. Per questo è importante capire sia cosa siamo sia cosa non siamo, e per questo Laura Bolón propone il seguente esercizio: “Noi siamo… ma non siamo…”

Per esempio:

  • Siamo buffo ma non lo siamo i fumetti.
  • Siamo amichevole ma non lo siamo infantile.
  • Siamo capi ma non lo siamo invadente.
  • Siamo Comune ma non lo siamo volgare.

Definisci la voce del tuo marchio Sarà facile se hai definito bene la personalità. Ne rispecchia le caratteristiche in un documento il più chiaro possibile in modo che tutti coloro che sono coinvolti nella comunicazione del marchio possano assimilarlo ed essere fedeli ai parametri stabiliti.

La voce può essere: sobria, seducente, provocatoria, divertente, spiritosa, assurda, giovanile, adulta, infantile. E tutto con sfumature. Per distinguerti dalla concorrenza, la tua voce deve esserlo originale, unico e differenziante.

Potrebbe piacerti anche: Comunicazione Emotiva su Instagram per differenziare il tuo brand

Che cos’è il tono di voce?

Il tono è il modo in cui la voce viene utilizzata in diverse situazioni, canali e contesti e con target diversi. La voce del marchio è una, proprio come la personalità, ma ci sono molti toni.

READ  Cos'è Discord e come utilizzare la piattaforma preferita dai giocatori

Proprio come le persone, il tono si adatta a diverse situazioni. Un servizio clienti per risolvere problemi o dubbi non è la stessa cosa di un post di Facebook che promuove un prodotto o risponde alle domande più frequenti. Il tono si adatta ad ogni contesto ma dovrebbe essere sempre tipico della Brand Voice.

Definire bene il tono lo consente raggiungere obbiettivi che la comunicazione ha in ogni momento e si adegua a ciò che il brand vuole trasmettere, mantenendolo consistenza dei messaggi.

Come definiamo il tono di un marchio?

Tanto per cominciare, Laura Bolón consiglia di essere molto chiara i contesti in cui opera il nostro marchio e il diverso pubblico che ha. È inoltre necessario determinare gli obiettivi da raggiungere nei diversi canali di comunicazione. In questo modo potrai decidere qual è il tono necessario per ciascuno, in modo generico, per dopo adattalo alla personalità del tuo marchioa.

Qual è lo stile?

Il insieme di regole che la voce del marchio deve seguire per mantenere la sua personalità, indipendentemente dal contenuto dei messaggi, dal pubblico a cui sono diretti e dall’ambiente in cui si muove costituiscono lo stile.

Può essere utile creare un elenco di cose da fare e da non fare dove includi i termini specifici con cui viene identificato il marchio e quelli che non utilizzerai mai. Inoltre, questo è legato all’aspetto visivo, al tipo di immagini che ti rappresentano, alle risorse che non utilizzerai, ecc.

Come definiamo lo stile di un marchio?

Puoi seguire questi passaggi per definire lo stile del tuo marchio:

  • dettagliare il cemento: il vocabolario che utilizzerai, il design della tua pagina o dei social network, ecc.
  • trova le parole chiave: Trova le parole che definiscono il tuo marchio e usale come ispirazione per creare il tuo stile.
  • Applicare l’ombreggiatura al tono: Pensa a come il tono e lo stile del tuo marchio interagiscono per riflettere la tua personalità.

Puoi crea le tue regole grammaticaliusi del linguaggio, uso di lettere maiuscole o minuscole, vocabolario, abbreviazioni, metafore o figure retoriche, decidi se utilizzerai o meno gli emoji… Tutto questo sarà anche fortemente legato a font, loghi, composizioni, ecc.

READ  Narrazioni transmediali: quando i consumatori creano e condividono

Cosa sono le linee guida del marchio?

Quando hai definito tutte le chiavi di un brand che abbiamo citato, conviene scrivere le Brand Guidelines. Questo è un documento che trasmette le chiavi per la nostra comunicazione quanto più conciso, chiaro e di facile interpretazione possibile.

Oltre alla personalità, alla voce, al tono e allo stile, possiamo includere informazioni pertinenti come descrizione del marchio, del nostro target, della nostra visione… Questo documento sarà condiviso con i partner coinvolti nella comunicazione del nostro marchio in modo che tutti in ogni momento abbiano chiaro come procedere secondo la personalità del marchio.

Potrebbe piacerti anche: Come i marchi dovrebbero adattarsi ai gusti della generazione Z

Come trasformare questi aspetti in chiavi di un marchio che innamorarsi?

Dopo aver definito le chiavi di un brand per generare empatia, Laura Bolón chiarisce che per far innamorare il tuo pubblico devi implementarle tenendo conto la regola delle 3 c:

  • Congruenza: Assicurati che la personalità del tuo marchio sia chiara e abbia una Brand Voice ben definita.
  • Consistenza: Una forte personalità, una voce chiara e un tono differenziante ci renderanno un marchio solido, con un’identità chiara e inequivocabile prima del nostro target.
  • Coerenza: I nostri messaggi e il nostro modo di trasmetterli devono essere coerenti con l’ambiente. Solo allora possono essere interpretati correttamente. È necessario definire sempre il tono giusto.

E ci dà anche un extra:

  • Costanza: Quante volte devo pubblicare o comunicare per trasmettere bene la personalità del marchio?

Ora che hai chiaro tutti gli aspetti chiave di un marchio, è il tuo turno per metterti al lavoro definendo la personalità, la voce, il tono e lo stile del tuo futuro Love Brand.

Webinar “Chiavi di un marchio: tono, voce e personalità” di Akademus di IEBS

Se la tua specialità è la connessione con le persone e vuoi diventare un professionista competitivo nel settore, impara a creare narrazioni di marca accattivanti per varie piattaforme con il nostro Master in Digital Marketing e Social Media.Cosa stai aspettando?

Torna su