Marketing relazionale: definizione, vantaggi ed esempi

Marketing relazionale: definizione, vantaggi ed esempi

In un mondo in cui sempre più aziende dello stesso settore convivono in competizione tra loro per conquistare le posizioni di vertice del mercato, aggiungere valore è diventata una priorità per qualsiasi azienda. Le vendite continuano a essere importanti e l’obiettivo prioritario di sopravvivere, ma offrire esperienze differenziate è la chiave per rafforzare le relazioni con i potenziali clienti. Se lo vuoi sapere cos’è il marketing relazionale, scopri i suoi vantaggi e scopri alcuni esempi, sei nel posto giusto. Godetevi il post!

Cos’è il marketing relazionale

marketing relazionale È un metodo incentrato sulla creazione, il mantenimento e il consolidamento delle relazioni con i clienti attraverso strategie incentrate sul cliente. Questa definizione, usata per la prima volta dal professore di marketing americano Leonard L. Berryparla di pratiche che vanno da un richiamo iniziale di attenzione a quei potenziali acquirenti al mantenimento di una comunicazione che permetterà al cliente di avere sempre i nostri prodotti come prima opzione nella sua testa.

In definitiva, si tratta fare il salto dalla focalizzazione sul prodotto alla focalizzazione sul cliente per stabilire relazioni durature.

I tempi sono cambiati e lo fanno ogni giorno in un mondo che cambia continuamente ed esalta le nuove tendenze. Offri ai nostri potenziali acquirenti esperienze uniche Si innamorerà di coloro che desiderano acquisire un’esperienza che ricordano invece di un semplice bene in sé.

Ottieni l’interazione con il cliente mettendoli al centro e occupandosi dei loro bisogni in modo personalizzato è, oggi, più un dovere che un’opzione che lascia dietro di sé la prospettiva di un pubblico passivo che non esiste più. A chi non piace vivere momenti memorabili?

Vantaggi del marketing relazionale

Il marketing relazionale si occupa in ogni momento del cliente per aiutarti e smettere di vederti solo come acquirente. Tra i vantaggi del marketing relazionale spiccano:

  • Conversione di visitatori occasionali in clienti consolidati: il marketing relazionale entra in azione dal momento in cui un potenziale cliente entra per la prima volta in contatto con la tua azienda. Da quel momento interagiamo con lui, facendo il possibile per stabilire un contatto diretto con lui, dopo aver ricevuto un semplice like sui social network o una richiesta di informazioni. Prendersi cura della relazione che nasce in quel momento permetterà ai visitatori di diventare clienti che vengono a soggiornare.
  • Moltiplica le vendite dei nostri prodotti o servizi: Quando stabiliamo una relazione costante con il nostro pubblico, diventiamo un marchio di fiducia che fa parte del loro quotidiano. Il cliente si fida di più di chi fa parte della sua vita ed è probabile che aumenti i suoi acquisti, sia nel biglietto medio che acquista, sia nel numero di ordini che effettua all’anno.
  • Dal cliente all’ambasciatore del marchio: Quando avremo clienti soddisfatti, li faremo parlare dei nostri servizi, diventando essi stessi prescrittori del marchio che attrae quelle persone che fanno parte della loro comunità. Di cosa pensi che le persone si fidino di più, degli annunci che vedono costantemente o delle opinioni dei loro cari? Sembra ovvio, vero?
READ  Che cos'è il ROI o ritorno sull'investimento e come viene calcolato?

Differenze tra marketing tradizionale e marketing relazionale

Quando nasce il marketing relazionale, lo fa per instaurare conversazioni personalizzate, di fronte ai massicci messaggi che il marketing tradizionale ha lanciato sin dal suo inizio, senza concentrarsi sull’esperienza e sulla differenziazione che oggi i diversi tipi di pubblico richiedono, che apprezzano sempre di più esperienze. R) Sì, possiamo trovare le seguenti differenze:

1# Messaggi generici vs. messaggi personalizzati

Il marketing relazionale propone comunicazioni personalizzate, da te a tetralasciando la sensazione di automatismo e generalizzazione che le campagne di marketing lanciano da molti anni, rivolgendosi a diverse nicchie di pubblico attraverso l’uso di automazione del marketingcon cui effettuare specifici monitoraggi in funzione delle azioni compiute da ciascun utente.

Marketing relazionale: definizione, vantaggi ed esempi - austin distel 2vCqH34PqWs unsplash 1024x683

2# Impatto Flash VS relazioni durature

Mentre il marketing tradizionale si concentra sugli obiettivi della campagna (cioè a breve termine), il marketing relazionale si concentra sulla relazione con i clienti con l’obiettivo di stabilire relazioni a lungo terminetralasciando gli obiettivi di una specifica campagna per concentrarsi sulla generazione di fiducia e, quindi, sulla loro fidelizzazione.

3# Dall’interesse transazionale a quello relazionale

Sebbene quando il marketing tradizionale si è concentrato sul raggiungimento della vendita, l’arrivo del marketing relazionale ha cambiato questa visione concentrandosi sulla relazione anziché sulla transazione stessa, sapendo che i vantaggi di avere una community che si fida delle tue comunicazioni e pubblicazioni stando nelle vicinanze, sia tramite l’iscrizione alle loro newsletter marketing via emailattraverso il monitoraggio e l’interazione attraverso i loro profili sui social network e molte altre opzioni.

Migliori pratiche di marketing relazionale

Se hai già compreso il significato del marketing relazionale e i vantaggi che può avere nella tua attività, è giunto il momento per te di prendere nota delle pratiche che puoi applicare nei tuoi progetti, le stesse che vengono utilizzate dalle aziende di ogni dimensione, settore e luogo nel mondo per trasformare il rapporto con i propri clienti. Ve ne diamo cinque:

1# Segmenta le tue campagne

Pensi che abbia senso inviare le stesse comunicazioni a clienti che risiedono in paesi diversi, a chi utilizza i tuoi prodotti o servizi ogni anno ea chi lo fa ogni settimana? Grazie a tutte le opzioni di segmentazione che le aziende hanno oggigiorno, la creazione di diverse mailing list a cui indirizzare invii personalizzati funzionerà a tuo favore. Soprattutto, perché il cliente noterà che stai tenendo conto delle sue esigenze precedenti per affrontarle, rendendo molto più facile per lui fidarsi di te e stare vicino.

READ  Definizione di marketing Che cos'è il marketing moderno?

Due# Rivolgiti alle persone invece che ai consumatori

Quando vieni trattato come un numero e senti che una macchina ti risponde, il connessione del marchio scompare. Parla con te come faresti con qualcuno che ti apprezza, tenendo conto di come ti senti, quali sono le tue esigenze e il modo in cui si rivolgono a te È un punto decisivo quando si tratta di fidarsi di un marchio. È una semplice questione di percezione che puoi lavorare per rivolgerti a qualcuno per nome, ricordare il suo compleanno e chiedere semplicemente come stai.

Marketing relazionale: definizione, vantaggi ed esempi - robin worrall FPt10LXK0cg unsplash 1024x683

3# Interagisci con loro ogni volta che puoi

Fallo, soprattutto, attraverso i tuoi social network. Non serve solo creare le tue pubblicazioni e lanciarle al vento: devi mostra che ci sei, rispondendo e valorizzando i loro commenti, aggiungendo valore ad essi con risorse gratuite e generando dibattito quando possibile. Non aspettare nemmeno che facciano il primo passo: reagisci ai loro post relativi al tuo settore ogni volta che è possibile con l’obiettivo di apparire nelle loro menti e ricordare loro che ci sei, pronto ad ascoltarli e migliorare la loro vita.

4# Premia la tua fiducia

Fallo inviando loro sconti speciali che coprono esigenze specifiche, accesso esclusivo alla prevendita dei prodotti, inviando loro una guida relativa al tuo settore, campioni di prodotto o ogni altro dettaglio che li faccia sentire riconosciuti e premiati per la fiducia che ripongono in te.

5# Accelera i tempi

Quante volte hai letto recensioni negative sui social network o su Google My Business su aziende che hanno trascurato la cura dei propri clienti? Per evitare questo tipo di situazione, è essenziale che acceleri il più possibile i tempi di risposta, la consegna dei prodotti e il servizio clienti. In questo modo, i tuoi clienti si sentiranno più legati e accuditi da te, causando un miglioramento della relazione e una sensazione da parte loro che siamo veramente impegnati.

Esempi di marketing relazionale

Far sì che i clienti siano fedeli al proprio brand è questione di proporlo, avere idee creative e mettere in pratica strategie con cui la loro vicinanza e, quindi, l’acquisizione dei propri prodotti e servizi dopo aver generato un desiderio. Vi mostriamo come hanno fatto tre grandi marchi:

Il tanto atteso ritorno di Nestlé Jungle

Negli anni ’90 i bambini hanno divorato le barrette di cioccolato Nestlé Jungly, un prodotto riconosciuto per la sua mitica tavoletta di cioccolato al latte e per i suoi biscotti a forma di animale, che, però, ha cessato di essere commercializzato nel 2015 dopo il calo delle vendite. Tuttavia, più di 10.000 conversazioni generate sui social nel corso dell’anno 2020 chiedendo la restituzione di questo prodotto ha provocato il rilancio di un prodotto tornato sul mercato all’inizio del 2021, introvabile nelle prime settimane nelle aree commerciali di tutto il Paese.

READ  Le tecnologie e le novità che hanno contraddistinto FITUR 2022

Marketing relazionale: definizione, vantaggi ed esempi - Tablets

Per favorire il rapporto con gli iscritti alla tua newsletterNestlé ha lanciato un’azione con loro mettendo in palio 3.000 compresse a causa dell’impossibilità di ottenerle in quei giorni. Un modo per premiare i suoi consumatori più affezionati, quelli che un giorno hanno deciso di far parte del cosiddetto Nestlé Family Club in cui sono comuni sconti e promozioni.

Una Coca-Cola con il tuo nome

Dopo aver avuto successo in paesi come il Regno Unito, la Francia o l’Australia, Coca-Cola ha lanciato la campagna “Condividi una Coca-Cola con…” in Italia lanciando lattine personalizzate con il proprio nome, che ha aumentato le vendite fino al 7% tra i giovani e ha moltiplicato la presenza del brand sui social networkdove attraverso l’hashtag #compartecocacolacon una moltitudine di utenti si sono fotografati con il loro packaging personalizzato.

Un modo per avvicinare il prodotto ai clienti, aumentando il legame emotivo con loro e favorendone la chiamata acquisti impulsivi.

Programma Beauty Insider di Sephora

La catena di cosmetici francese Sephora, che conta più di 750 negozi in 21 paesi, ha un programma fedeltà chiamato Beauty Insider suddiviso in tre livelli, con un livello base a cui tutti possono accedere. Ogni dollaro speso nel negozio viene convertito in un punto che possono essere scambiati con buoni sconto al raggiungimento di una spesa minima.

Marketing relazionale: definizione, vantaggi ed esempi - sephora sale lede 1024x683

Inoltre, hanno vantaggi come regali di compleanno, corsi di bellezza esclusivi, sconti in occasione di eventi e tanti altri modi per far sentire speciale una clientela che, quando valuta l’acquisto di nuovi prodotti cosmetici, si rivolge spesso all’azienda, quella che già si sentono parte di essa per via delle comunicazioni costanti e dei benefici con cui premiano la loro fiducia.

Sei disposto ad applicare le nuove conoscenze che hai acquisito nei tuoi progetti? Se è così, lasciaci i tuoi commenti e sentiti libero di condividere l’articolo. E se è da tempo che pensi di specializzarti in marketing strategiconon esitare ad informarti sulla ns Master in marketing digitale, un programma progettato per formare professionisti che desiderano candidarsi per posizioni dirigenziali e decisionali di alto livello nell’ambito delle attività di marketing strategico nelle organizzazioni. Noi ti aspetteremo!

Torna su