Differenze tra marketing B2C e B2B

Lo scopo del marketing è applicare le strategie più efficaci per raggiungere i consumatori desiderati e consegnare loro i prodotti, adattandosi alle loro esigenze e richieste. Ma il marketing copre diverse tipologie, a seconda di chi ti rivolgi e di cosa vendi. Una differenziazione è quella che si verifica a seconda del cliente a cui è diretta: B2C (Business to Consumer) e B2B (Business to Business). Il primo è il marketing dei consumatori e il secondo è il marketing business-to-business. Vuoi sapere come si differenziano?

Articoli correlati:

Il B2C e il B2B del Marketing

Il Termini B2C e B2B sono utilizzati per distinguere i processi di marketing delle imprese che vendono al consumatore finale e quelli diretti alle imprese. In entrambi i casi la maggior parte del processo è simile, ciò che cambia è il modo in cui questi processi vengono eseguiti ei messaggi strategici che vengono diffusi. Questi due tipi di marketing iniziano le loro strategie definendo il pubblico di destinazione e rilevando come soddisfare i loro bisogni per poter vendere loro un prodotto, diverso in ogni caso.

Ti presentiamo le principali differenze che contraddistinguono il marketing B2C e B2B.

B2C (Business to Consumer)

L’acronimo B2C si riferisce al mercato dei consumatori di massa, ovvero le aziende che offrono prodotti o servizi alle persone. Pertanto, il marketing B2C mira a mettere in evidenza i benefici personali che il prodotto porta ai consumatori, attraverso l’emozione. Gli sforzi si concentrano anche sul rafforzamento del marchio attraverso la pubblicità ripetitiva. Le sue caratteristiche principali sono:

  • Lo scopo è fare appello alle emozioni e ai sentimenti per creare un bisogno immediato e suscitare la voglia di comprare dai consumatori.
  • Vengono compiuti sforzi per mantenere breve il processo di acquisto e il pubblico è motivato con promozioni e sconti. È stato dimostrato che i clienti acquistano d’impulso e quindi desiderano a vendita rapida ed efficace.
  • Il numero di clienti è grandema il volume degli acquisti è inferiore.
  • I clienti sono sparsi.
  • canali di distribuzione sono di più ridotto.
  • La pubblicità di solito è fatta attraverso mass media tradizionali.
  • Ricerca risultati rapidi e immediati.
READ  Customer Experience Analytics: migliora l'esperienza del cliente in tempo reale

B2B (Business to Business)

L’acronimo B2B si riferisce al mercato aziendale, quelle società che commercializzano i propri prodotti o servizi ad altre società. In questo modo, nella tipologia del marketing B2B, lo scopo è quello di instaurare relazioni personali, con le quali rafforzare il prestigio e l’identità del brand. Cioè, trasmettere il valore dell’azienda. La strategia si concentra sulla comunicazione di come il prodotto aiuta i clienti a risparmiare tempo, risorse e denaro.

Il marketing B2B è principalmente legato all’industria, alle istituzioni e al governo e le loro caratteristiche sono:

  • Si concentra sulla logica del prodotto, cioè nelle sue caratteristiche. Quello che il mercato vuole è sapere di più sul prodotto e su come lo aiuterà.
  • Il processo di vendita è più lungo e su scala più ampia. Questo perché la decisione di acquisto è più premeditata. Pertanto, la proposta di valore deve essere più dettagliata.
  • Il volume dei clienti è più piccolo, ma il volume di acquisto è maggiore. Poiché la gamma di clienti è più piccola, è possibile eseguire strategie più precise.
  • Il i clienti sono concentrati mercati specifici e piccoli.
  • esistere molti canali di distribuzione.
  • La pubblicità è più personalizzata, quindi di solito viene fatto in occasione di eventi del settore.
  • cercare di raggiungere obiettivi a lungo termine.

[Tweet «¿Conoces las diferencias entre el Marketing B2C y B2B? Descúbrelo y conoce casos de éxito»]

Esempi di successo B2C e B2B

Ora che sai come differiscono questi due tipi di marketing, ti portiamo due esempi che dimostrano l’efficacia delle strategie se definite correttamente il mercato in cui operare, la tipologia di cliente e gli obiettivi da raggiungere:

READ  Che cos'è un Product Owner e differenze con il Product Manager

Casi B2C

  • Tesco è impegnata nell’innovazione tecnologica. Questo supermercato si distingue per l’introduzione di nuove tecnologie nei suoi locali. Da anni concentrano i loro sforzi sull’agevolazione dell’acquisto per il cliente e sul risparmio sui costi in questo processo. Hanno introdotto nei loro negozi innovazioni come Big Data, realtà aumentata, e-commerce o grandi schermi virtuali per fare acquisti da loro. La sua strategia si basa sul test iniziale di queste innovazioni nei negozi pilota e, se funzionano, sull’implementazione nel resto dei negozi. L’obiettivo? diventare un fornitore multicanale. Creano anche i propri prodotti tecnologici, come app o tablet, per migliorare e facilitare l’esperienza di acquisto del cliente.
  • Bruguer e la realtà aumentata. L’azienda di vernici ha sviluppato un’applicazione che consente di “dipingere” le pareti e vedere come apparirebbero nella realtà. L’obiettivo è che i consumatori possano provare tutti i colori che desiderano senza la necessità di farlo sulla parete stessa. Attraverso il cellulare è possibile visualizzare la stanza dipinta del colore che vorremmo. Con questa strategia Bruguer raggiunge tutte le persone che vogliono imbiancare la propria casa e, in questo modo, aumentare le possibilità di conversione. Il successo di questa strategia si basa su offrire una soluzione al problemain questo caso, potendo provare tutti i colori possibili prima di dover prendere in mano il pennello.

Casi B2B

  • IBM festeggia il suo 60° anniversario. L’azienda dedicata al settore informatico ha festeggiato il suo 60° anniversario. Per festeggiare, IBM Singapore ha condotto una campagna di marketing B2B che delinea la storia dell’azienda. Quello che hanno fatto è stato creare una pagina web in cui l’utente potesse navigare in modo semplice e interattivo attraverso la storia dell’azienda durante quei 60 anni. Inoltre sono stati allegati i progetti più significativi fino ad oggi e sono stati mostrati gli obiettivi futuri da raggiungere, insieme alle testimonianze dei dipendenti. Il successo della strategia di marketing di IBM risiedeva sfruttare la storia dell’azienda come valore differenziante, con il quale l’obiettivo era quello di generare maggiore fiducia attorno al marchio mettendo in evidenza i suoi risultati. Inoltre, questa idea è stata rafforzata dalle esperienze personali dei dipendenti, che hanno contribuito ad aumentare la credibilità dei successi di IBM.
  • Forbo impegno per l’originalità. L’azienda di pavimenti Forbo ha voluto pubblicizzare la sua nuova linea “Spirit of Spa” tra architetti e interior designer. Per farlo in modo diverso e originale, hanno creato un paio di sandali che hanno distribuito tra le aziende, invitandole così a “vivere l’esperienza sotto i loro piedi”.
READ  Come creare con successo il marchio della tua attività e far innamorare i clienti

Se sei responsabile del marketing nella tua organizzazione, sia B2C che B2B, e vuoi conoscere le chiavi per definire una buona strategia aziendale, in Tektankti offriamo il Master in Marketing Intelligence e CRMcon il quale potrai comprendere e assimilare il ruolo di marketing nelle organizzazioni, il processo e la necessità di pianificazione in esse e di sapere come si stabilisce e quali ambiti e interrelazioni implica.

Torna su