Come creare un buon piano di marketing con gli obiettivi SMART

Come creare un buon piano di marketing con gli obiettivi SMART

Quando si pianifica un nuovo anno o si lancia un nuovo prodotto o servizio, una delle sfide più difficili che dobbiamo affrontare è sapere come definire un buon piano di marketing e obiettivi e strategie Difficile ma realizzabile. Per questo, il modo più comune e noto per le persone che si dedicano al Marketing utilizza i cosiddetti “Obiettivi SMART” o Obiettivi SMART.

La definizione è stata coniata da George T. Doran, promotore di questa teoria con la famosa pubblicazione intitolata: «C’è un modo SMART per scrivere gli obiettivi e gli obiettivi del management». In questa pubblicazione, Doran ha spiegato in modo approfondito il significato che dovrebbero avere tutti gli obiettivi seguendo i criteri dell’acronimo SMART.

Come strutturare un Piano di Marketing

Il piano di marketing Digitale È un rapporto molto elaborato in cui specifichiamo gli obiettivi da raggiungere, nonché le strategie e le tattiche che utilizzeremo per raggiungerli. È di vitale importanza che questo documento sia adeguatamente pianificato e sia il risultato di ricerche approfondite.

READ  Come essere un influencer, tipi di influencer e quanto guadagnano

La capacità di sviluppare un buon Piano di Marketing è molto apprezzata e non è poi così complicato se sai seguire bene i passaggi.

  • Missione, Visione, PTM
  • Analisi strategica
  • Interno: SWOT, CAME, VRIO
  • Esterno: 5PP, PESTEL
  • Definizione degli obiettivi
  • Strategie e Marketing Mix: 4P del Marketing Mix
  • Tattiche o azioni per eseguire le strategie e raggiungere gli obiettivi
  • Programma di esecuzione: tattiche e azioni
  • Budget delle spese di marketing

Come strutturare un piano di marketing di prodotto

  • posizionamento
  • Proposta di valore: Proposta di vendita unica
  • Differenziazione
  • Segmenti di clientela
  • Relazioni e Canali: GotoMarket
  • Struttura dei costi
  • Reddito
  • Alleanze strategiche
  • Attività e risorse chiave
  • PSFit, PMFit BMFit

E una delle cose che è più difficile per ogni marketer capire cos’è un obiettivo e come definirlo bene sarà la chiave in modo che tutti i tuoi piano di marketing srotolare.

Che cosa significa l’acronimo SMART?

  • specifico (specifico): Deve essere un obiettivo preciso, semplice e concreto.

  • mmisurabile (misurabile): Deve avere un indicatore e una quantità quantificabile.

  • Aassegnabile: Devi specificare chi lo farà.

  • Rrealistico (raggiungibile): Dovrebbe essere facile da ottenere con le risorse che vengono utilizzate.

  • Trelativo al tempo (tempo/durata): È necessario specificare quando potrebbe essere fattibile.

Attualmente molti ‘marketing’ segnano i loro obiettivi di piano di marketing seguendo questi criteri poiché in questo modo si chiarisce l’intero processo e l’esecuzione di un obiettivo, senza lasciare dubbi sulla sua corretta realizzazione. È anche ampiamente utilizzato perché gli obiettivi SMART possono essere scritti da persone senza alcuna conoscenza o formazione pregressa.

Come scrivere obiettivi SMART

Per scrivere correttamente un obiettivo SMART nel piano di marketing o nel piano di prodotto, deve essere scritto tenendo conto dei seguenti punti:

  • Questo soddisfa gli acronimi INTELIGENTE.
  • Essere semplice, concreto e chiaro.
  • Rapporto del processo e dei suoi compiti a ciascun membro.
READ  Profili attitudinali nel marketing: cosa sono ea cosa servono

Passaggi per scrivere obiettivi intelligenti

1. Chiarisci e semplifica i tuoi obiettivi SMART

Gli obiettivi a volte tendono a confondere. Deve essere Riassumi ogni obiettivo a tal punto che possono essere scritti ciascuno in due frasi. In queste frasi vanno chiariti i punti: especifico, mcommestibile, Afirmabile, Rfattibile e T-durata.

2. Organizza e classifica i tuoi obiettivi SMART

Nella creazione di un obiettivo del piano di marketing è importante classificarlo poiché non creeremo solo un obiettivo nell’azienda in modo che a organizzarlo per tipologia Chiarirà ciascuno di essi: numero di visite Web, crescita di possibili clienti, vendite, aumento del marchio su Instagram, ecc.

3. Contrassegnare una cifra specifica per ogni obiettivo SMART

La cosa appropriata è creare un foglio di calcolo (o Excel) e creare una tabella come questa (esempio sotto) in cui segnare le cifre per ogni obiettivo e aggiornare quei dati ogni tanto: 1/4 o 1/6 della durata del obbiettivo. Per esempio:

OBBIETTIVO FIGURA STIMA FIGURA ATTUALE
Visite al sito web 10.000 8.500
Numero di vendite venti 5

Nel caso di un progetto già avanzato, sarà facile stimare queste cifre rendendole reali, ma in un nuovo progetto e senza dati precedenti, sarà difficile fissare questi obiettivi SMART, quindi è necessario avere un riferimento reale come come:

    1. sapere il numeri della tua concorrenza diretto.
    2. Fare piccole prove e ottieni i tuoi risultati.

4. Seleziona una scadenza

Fissando una data, l’obiettivo cessa di essere mentale e diventa reale, diventando un ambiente più aggressivo che produrrà un lavoro costante e perseguirà il raggiungimento dell’obiettivo.

Ma chiediti, puoi ottenerlo? Non dovresti solo creare un impegno di tempo ma anche essere realistici. Quanto tempo hai? Quali risorse hai per realizzarlo?

READ  9 parametri chiave che un Product Manager utilizza quotidianamente

5. La strada non è mai “rosea”

Il tempo di ogni obiettivo viene sempre stimato senza problemi lungo il percorso. Ma sorgeranno dei disagi che ci faranno ritardare i tempi. Valuteremo questi problemi e fissare obiettivi reali in un ambiente con possibili inconvenienti.

marchio Obiettivi SMART nel nostro piano di marketing ci assicurano una buona procedura per ottenerli, sebbene non siano una garanzia di successo. Ma se seguendo i loro criteri possiamo avere più possibilità di soddisfarli.

Se l’articolo ti è piaciuto, lasciaci un commento e condividilo con i tuoi amici. E se ti è rimasto il bug di saperne di più sul marketing, potresti essere interessato al nostro Master in Marketing Management, Sales and Digital Strategy, il più completo sul mercato.

Torna su