Che cos'è un piano di marketing digitale e come si fa?

Che cos’è un piano di marketing digitale e come si fa?

UN piano di Marketing digitale Consiste in un documento in cui vengono raccolti tutti gli obiettivi e la pianificazione delle strategie e delle azioni di Marketing da sviluppare con l’obiettivo che tutto quanto affermato nel documento abbia una giustificazione e gli obiettivi prefissati possano essere raggiunti. Per fare ciò, devi prima definire cosa vuoi ottenere, a chi vuoi indirizzare la comunicazione e come verranno realizzate le azioni.

Potrebbe piacerti anche: Master in marketing digitale online

Definizione del piano di marketing digitale

Il marketing digitale è un modo di marketing online che utilizza solo i nuovi media e i canali pubblicitari digitali come Internet, i telefoni cellulari o l’IoT e che grazie alla potenza della tecnologia consente di creare prodotti e servizi personalizzati e misurare tutto ciò che accade per creare customer experience uniche e memorabili per reciproci beneficio.

Il piano di marketing Digitale È un rapporto molto elaborato in cui specifichiamo gli obiettivi da raggiungere, nonché le strategie e le tattiche che utilizzeremo per raggiungerli. È di vitale importanza che questo documento sia adeguatamente pianificato e sia il risultato di ricerche approfondite.

Potrebbe piacerti anche: Master in marketing digitale online

La capacità di sviluppare piani di marketing digitale di successo Può essere un punto di differenziazione in un professionista in questo settore. Non solo aiuta a giustificare ciò che è successo finora, ma spiega anche la direzione che l’azienda intende prendere.

Guida

Come fare un piano di marketing digitale

Scaricamento

Come sviluppare un piano di marketing digitale?

Quando si sviluppa un piano di marketing online, è necessario tenere conto di una serie di punti chiave.

Il primo contatto con il cliente

Prima di iniziare un piano di Digital Marketing, è di vitale importanza stabilire un primo contatto con il cliente per dettagliare e specificare quali sono gli obiettivi. In questo primo contatto, dobbiamo cercare di ottenere quante più informazioni possibili in modo che ci aiutino a conoscere le motivazioni degli utenti e in questo modo possiamo progettare azioni molto più mirate e personalizzate.

# 1. Analisi della situazione

Prima di tutto, dobbiamo essere molto chiari su cosa è il marchio, cosa fa, perché lo fa, la sua giustificazione e la sua ragione d’essere, la sua USP (Unique Selling Proposition).

Il primo concetto da includere in a piano di marketing online deve essere lo studio della situazione attuale o l’analisi dell’ambiente. Per questo studieremo l’ambiente effettuando un’analisi, sia interna che esterna, del settore in cui operiamo e in cui si inquadra il prodotto o servizio in questione, facendo sempre chiarezza demografica, economica, tecnologica, politica o socioculturale fattori, che sono di vitale importanza. Allo stesso modo analizzeremo la concorrenza diretta per migliorare e sfruttare ogni opportunità che si presenta.

Per la parte di analisi esterna devi fare:

Per la sezione di analisi interna devi fare:

  • Analisi VRIO
  • Analisi SWOT
  • Analisi È VENUTO

presenza online

Allo stesso tempo, e soprattutto, prima di eseguire a piano di marketing online Devi sapere qual è la tua presenza online, sapere su quali piattaforme online hai o non hai una presenza e sapere quale storia ha la presenza online del marchio.

READ  Cos'è il content marketing e cinque strategie per applicarlo

A questo punto devi prestare particolare attenzione alla ricerca per tenere a mente gli strumenti che sono stati utilizzati per mantenere la loro presenza online, nonché quale strategia e tattica hanno seguito in passato. Queste informazioni sono fondamentali per poter seguire una linea di comunicazione che non si discosti da quella finora stabilita.

Per concludere l’analisi della situazione, dobbiamo fare un grande sforzo per conoscere nel dettaglio quali sono gli obiettivi che vogliamo perseguire attraverso il piano di marketing digitale e quale budget abbiamo per la sua esecuzione.

È in questa prima sezione che vale la pena sottolineare l’importanza di definire gli obiettivi, conoscere nel dettaglio il target di riferimento ed effettuare l’analisi SWOT, che può aiutare molto a mettere a punto la strategia giusta, sfruttando le opportunità e rilevando i punti deboli. devono essere migliorati.

Ricerca in linea

Una volta che sappiamo cosa vuole il cliente, le informazioni sul marchio e siamo chiari sul nostro pubblico di destinazione, è il momento di iniziare a svolgere ricerche dettagliate sulla presenza online, sia del marchio che della concorrenza. Per fare ciò, si consiglia vivamente di utilizzare strumenti sia gratuiti che a pagamento per rilevare lo stato del marchio e quello delle aziende concorrenti.

Strumenti come SEMrush, Sistrix, Moz, aHrefs o gli stessi social network possono aiutare molto a identificare lo stato della presenza online, offrendo dati che facilitano notevolmente la ricerca, poiché ci evita di fare molte cose manualmente.

Dati analitici come visite giornaliere e mensili, traffico diretto, organico e a pagamento, frequenza di rimbalzo, pagine indicizzate, numero di backlink, numero di fan e follower, livello di coinvolgimento, ecc. Queste sono alcune delle metriche di cui dobbiamo tenere conto quando analizziamo il marchio e fondamentalmente la concorrenza.

#Due. Definizione degli obiettivi

Una volta che abbiamo fatto tutte le ricerche e la situazione da cui partiamo è nota, è tempo di iniziare a progettare il piano di marketing digitale. Per fare questo, dobbiamo essere molto chiari su cosa sia il obiettivi di business e obiettivi di marketingessendo questi ultimi quelli che devono fungere da radice degli obiettivi aziendali.

a) Obiettivi aziendali

Gli obiettivi aziendali sono puramente economici, misurabili nel breve termine. Quelli che, come suggerisce il nome, sono sinonimo di redditività dell’impresa a seconda che siano realizzati o meno. Un chiaro esempio di obiettivo aziendale è aumentare il fatturato rispetto all’anno precedente, o migliorare la quota di mercato, il che significa crescere rispetto alla concorrenza.

b) Obiettivi di marketing

Gli obiettivi di marketing sono quelli che fanno sì che gli obiettivi di business vengano raggiunti. Questi obiettivi possono consistere, ad esempio, nell’aumentare il traffico sul web tramite SEO o SEM, o nell’acquisizione di lead (e-mail o numeri di contatto), tra gli altri.

Un dettaglio fondamentale nella definizione degli obiettivi è seguire le regole di base per il raggiungimento degli obiettivi, i criteri SMART (Specifico, Misurabile, Realizzabile, Realistico e Limitato nel Tempo).

(S) Specifico: bisogna cercare la concretezza, per individuare ciò che si vuole veramente ottenere.

(M) Misurabile: è essenziale che gli obiettivi possano essere quantificati o qualificati in qualche modo, per poter confrontare il risultato.

(A) Realizzabile: tenendo conto del lavoro di tutte le componenti coinvolte nel progetto, è necessario valutare se gli obiettivi sono fattibili e c’è la possibilità di raggiungerli.

(R) Realistico: quando stabilisci gli obiettivi, tieni i piedi per terra e non speculare troppo sugli obiettivi, altrimenti i risultati non possono essere valutati in seguito.

(T) Temporaneamente limitato: i tempi di esecuzione devono essere scanditi molto bene per avere il controllo dell’inizio e della fine del progetto.

Per il controllo e il monitoraggio degli obiettivi, è consigliabile progettare un Dashboard, che faciliti il ​​controllo giornaliero, settimanale, mensile o annuale, in modo da poter tenere traccia e verificare i progressi.

READ  3 modi per utilizzare gli ebook nella tua strategia di Content Marketing

#3. Definire strategia e tattica

Una volta fissati gli obiettivi, è il momento di definire quali strategie e tattiche proporre per raggiungerli.

La strategia È costituito da un insieme di azioni applicate il cui scopo è lo sviluppo degli obiettivi prefissati. Un esempio di strategia è, ad esempio, lo sviluppo di una campagna di Marketing in entrata o link building.

la tattica, sono forse quelli che richiedono più lavoro, ha a che fare con la forma e il metodo di esecuzione dei compiti. Sono compiti o funzioni più specifiche, ad esempio la creazione di un post e la pubblicazione di 2 post giornalieri sul Blog.

Un esempio più chiaro di strategia e tattica è il seguente:

  • Strategia: introdurre a marca.
  • tattica: Crea annunci sui principali media online, organizza un evento, crea una campagna Google Adwords.

Proposta finale al cliente del Digital Marketing Plan

Una volta che abbiamo il Piano di marketing digitale, viene formulata la proposta definitiva, che sarà consegnata al cliente per successiva o non approvazione. Per questo è importante avere molta creatività in modo che tutte le informazioni raccolte possano essere mostrate nel migliore dei modi, e quindi il cliente sia convinto di ciò che viene proposto.

#4. Bilancio

La preparazione e presentazione del budget è una delle azioni più decisive nella realizzazione del piano di marketing digitale, poiché da essa dipende gran parte del progetto presentato. Nel bilancio è fondamentale che tutti i dettagli siano spiegati, scomposti e giustificati ogni azione che verrà svolta. Il cliente deve sapere in ogni momento a cosa è attribuito il suo budget e, quindi, non dimenticare di elencare tutte le strategie e le tattiche.

Come creare un piano di contenuti per i tuoi obiettivi di marketing

Esecuzione del piano di marketing digitale

A questo punto, sinonimo del fatto che il piano è stato approvato dal cliente, bisogna predisporre lo scenario online dove verranno sviluppate le tattiche seguendo le strategie stabilite. I compiti in questa fase sono già orientati in modo che, quando si eseguono le azioni segnate nel piano di marketing, tutto sia preparato e non lasciamo nulla nelle mani dell’improvvisazione e possiamo eseguire tutto senza aspettare che qualcosa cambi o venga fatto. .

Le azioni più generiche che si possono evidenziare a questo punto sono le seguenti:

  • Definisci il tono di comunicazione.
  • Configura e progetta tutti i profili e le piattaforme in cui hai una presenza o desideri averne una.
  • Definisci le parole chiave.
  • Prepara un rapporto sul modello o un dashboard.
  • Creare un calendario delle azioni da svolgere.

Una volta che abbiamo preparato il terreno, è tempo di agire! Tutto ciò che è segnato nel piano deve essere eseguito. Marketing digitale. Per questo, si raccomanda vivamente di seguire il calendario e che tutti i dipartimenti interessati lavorino nella stessa direzione.

Piano di marketing digitale per un’azienda

Concentrare queste azioni con un budget limitato su un pubblico locale, sia nel posizionamento web, sia nei social media e nel content marketing. Insieme si migliorano a vicenda migliorando notevolmente la portata di una pagina web.

Analisi delle parole chiave locali

La prima cosa che faremo nella nostra campagna di posizionamento web è seleziona le parole chiave localmente. Sulla base di queste parole chiave ottimizzeremo il nostro sito web.

Per l’analisi utilizzeremo il nuovo Pianificatore di parole chiave offerto da Google Adwords, che ci fornisce una stima del livello di ricerche mensili per ogni parola chiave. È utile definire un elenco di combinazioni di parole chiave suggerite su cui concentrarsi per raggiungere il potenziale cliente che effettua ricerche su Google.

Ottimizzazione della SEO On Page della nostra pagina.

I fattori principali per una corretta ottimizzazione SEO On-page sono:

  • Titoli: con le parole chiave più generiche ma in modo logico e naturale.
  • Meta Description: Generalmente viene mostrato nelle SERP (risultati di ricerca) quindi una corretta descrizione indipendente per ogni pagina migliora il CTR (click rate).
  • Contenuto in testo ampio e di qualità: con almeno 300 – 350 parole per ogni pagina e sezione, sempre naturali e centrate sull’utente.
  • Navigazione intuitiva e facile: in modo che un utente (e un motore di ricerca) possa spostarsi da un punto all’altro del web con il minor numero di click possibile.
  • SANTO (Ottimizzazione dei social media): per viralizzare i nostri contenuti e il nostro marchio sui social network, qualcosa di essenziale oggi per una SEO naturale ed efficace. L’ideale è posizionare in modo visibile i pulsanti di condivisione sui principali social network (e sui network segmentati secondo il nostro settore).
  • Indicizzabilità: ed è che sebbene la navigazione intuitiva di cui al punto precedente migliori l’indicizzazione globale, è sempre possibile (e consigliato) dare una mano al motore di ricerca per tracciare più facilmente il nostro sito. Per questo dobbiamo solo creare una mappa del sito in formato .XML e collegalo da un account Strumenti per i Webmaster di Google.
READ  5 cose da disimparare quest'estate

Registrazione alla piattaforma Google per le attività locali: Google Places.

Questa piattaforma Google migliora notevolmente la nostra visibilità per le ricerche locali.

Social Media, ricerca e raggiungimento dei nostri potenziali clienti.

Sono disponibili numerosi social network segmentati che è conveniente selezionare in base al nostro settore. I principali social network sono:

  • Facebookper essere il social network maggioritario in Italia in termini di utenti e loro coinvolgimento.
  • Twitteruna rete in continua espansione nel nostro Paese che offre un ottimo ambiente per la conversazione diretta tra il marchio e l’utente.
  • Google Pluscon un grande potenziale e attualmente un ambiente ideale (e necessario) per migliorare la SEO organica nei risultati di Google.

Content marketing, miglioramento del posizionamento web e social network

Il Marketing dei contenuti È una tecnica con un grande potenziale sia per la SEO organica che per i social media e la sua pratica più comune è integrare un blog nel sito Web dell’azienda e lavorare sui suoi contenuti.

Vediamo i vantaggi del Content Marketing per il posizionamento web e i Social Media:

  • Freschezza di aggiornamenti in Contenutiqualcosa che a Google piace molto dopo le ultime modifiche a Google Panda.
  • Più contenuto di qualità indicizzabileposizionamento più elevato di SEO Long Tail (per parole chiave secondarie).
  • contenuto di qualità che potrebbero essere viralizzati sui social network e collegati da altri media (entrambe le possibilità migliorano notevolmente la SEO e il traffico dai social network).
  • Aggiornamenti costanti nei profili social dell’azienda, maggiore movimento per una community social attiva e con utenti partecipativi.

Ma vediamo le condizioni essenziali affinché il Content Marketing si svolga in modo corretto ed efficace:

  • Il il contenuto deve essere originaleda qualità
  • Il testo dovrebbe essere intervallato immagini (o video) per renderlo più accattivante e alleggerire la tua lettura.
  • Possiamo terminare ogni contenuto con a chiamare all’azione. Se abbiamo una colonna di commenti: dicci cosa ne pensi, oppure se vogliamo aumentare la Community: seguici su Facebook e scopri tutto.
  • Rimuovi le parole chiave secondarie dal contenuto interno del blog, il che migliorerà notevolmente il traffico Long Tail da Google e altri motori di ricerca.
  • La visualizzazione di altri contenuti correlati alla fine di ogni contenuto migliora il comportamento degli utenti estendendo il tempo trascorso sul nostro sito Web e riducendo la frequenza di rimbalzo.

Se sei arrivato fin qui e hai già pronto il tuo piano di marketing digitale, ci congratuliamo con te e ti incoraggiamo ad allenarti con il nostro Master in marketing digitale online, con cui potenzierai la tua formazione e il tuo profilo nel campo del marketing digitale. Noi ti aspetteremo!

Torna su