Neurodidattica, il trend che cambierà l'educazione

Neurodidattica, il trend che cambierà l’educazione

In IEBS, ci impegniamo sempre per un’istruzione innovativa che risponda alle nuove esigenze di questo secolo, in cui carta e matita sono sullo sfondo. Oggi vi vogliamo parlare di Neurodidattica, una nuova disciplina che mette in luce l’importanza delle emozioni all’interno del processo di apprendimento. “Non c’è apprendimento senza emozione” è il motto che gli insegnanti che lo difendono.

Indice dei contenuti:

I tempi stanno cambiando e senza dubbio uno dei principali fattori di cambiamento è l’istruzione. Negli ultimi anni, la crescente digitalizzazione ha consentito un boom di nuove tendenze educative che promettono di formare i giovani verso un nuovo panorama lavorativo.

Cos’è la neurodidattica?

La neurodidattica è una disciplina specializzata nell’ottimizzazione del processo di insegnamento dallo sviluppo del funzionamento cerebrale. Le emozioni sono utilizzate come strumento principale per imparare ad essere efficaci.

Nel 2010, un team di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology di Boston ha concluso che il cervello di uno studente svolge un’attività elettrica di 24 ore durante una settimana. Durante lo studio, effettuato tramite un sensore elettrodermico al polso, si è scoperto che l’attività cerebrale dello studente quando frequentava una lezione era simile a quella di quando guardava la televisione, cioè il il modello pedagogico in cui gli studenti sono un ricevitore passivo non funziona.

L’esperto di neuropsicologia infantile, José Ramón Gamo, afferma che “il cervello ha bisogno di essere eccitato per imparare”. Il La neurodidattica mira a modificare il rapporto dello studente con i processi di insegnamento-apprendimento verso un modello in cui gli studenti sono quelli che indirizzano il proprio apprendimento, rafforzando abilità come l’attenzione, la motivazione, le funzioni esecutive e le operazioni mentali.

READ  Gamification: cos'è la Gamification e come funziona?

Qual è il rapporto della Neurodidattica con la ludicizzazione

Per molti insegnanti, il modo migliore per applicarlo La neurodidattica deriva dalla ludicizzazione. Ma è un vero mito dire che la neuroeducazione consiste solo nel giocare. La ludicizzazione nell’istruzione è una dinamica non ricreativa in cui il gioco è il principale asse motivante. Attraverso l’interazione tra pari in un ambiente ludicizzato, i risultati dell’apprendimento sono raddoppiati, perché i gesti del corpo e il contesto dell’apprendimento giocano un fattore molto importante nell’elaborazione dei dati da parte del cervello.

Per raggiungere questo obiettivo, la Neurodidattica si basa su elementi audiovisivi, sostituendo le lezioni tradizionali con supporti più attraenti come video, immagini, mappe interattive, ecc., che richiedono la partecipazione dello studente. Innovazioni che non sarebbero possibili senza le nuove tecnologie.

La scuola tradizionale deve evolvere verso un’educazione più innovativa, capace di integrare queste nuove discipline che promuovono a apprendimento sociale e collaborativo. Tecniche come la flipped classroom (classe invertita) consentono in modo semplice ed efficace di introdurre questo tipo di apprendimento nelle classi e in questo modo trasformare l’apprendimento in qualcosa di divertente e divertente.

In Tektankci impegniamo per l’innovazione

In Tektankabbiamo un forte impegno per l’istruzione, alcuni anni fa abbiamo firmato il Serious E-learning Manifesto in cui ci impegniamo per l’eccellenza nella formazione online. Ecco un grafico in cui puoi leggere i 16 principi che questo manifesto condivide con la metodologia IEBS.

Il L’innovazione è uno dei pilastri fondamentali di IEBS, e insieme all’istruzione riteniamo che sia un pilastro fondamentale per la formazione aziendale. La nostra metodologia cerca di integrare le nuove tecnologie con i social media nell’apprendimento. Nei nostri programmi di studio utilizziamo tecniche all’avanguardia come l’aula capovolta e i forum di apprendimento, dove viene incoraggiata la competitività e la collaborazione tra gli studenti.

READ  L'hacker etico: il profilo di cui hanno bisogno tutte le aziende digitali

Un modello unico basato sul imparare facendo, cioè nell’imparare facendo, praticando e comprendendo perché in ogni situazione si agisce in modo specifico. Con l’obiettivo che i nostri studenti imparare ad analizzare situazioni e problemi per prendere le decisioni giuste.

Vuoi conoscere le opinioni della nostra metodologia? Puoi vedere innumerevoli opinioni di ex studenti qui e in questa playlist te lo raccontano i nostri studenti.

Cosa aspetti a farne parte? comunità internazionale, sostenuta da oltre 85.000 studenti In tutto il mondo. Non esitare e richiedi informazioni o partecipa ad una delle nostre sessioni informative senza impegno.

Torna su