Come applicare strategie di gamification nel tuo e-commerce per vendere di più

Come applicare strategie di gamification nel tuo e-commerce per vendere di più

Impedire agli utenti di abbandonare il processo di acquisto nel mezzo e trattenerli è uno degli obiettivi più chiari di qualsiasi e-commerce. La gamification sta diventando un ottimo strumento per coprire la mancanza di interazione e l’abbandono del carrello. Se un negozio virtuale implementa tecniche di gioco sul proprio sito web o tramite un’app, sarà in grado di rafforzare il legame con i propri utenti, generare engagement e attrarre nuovi clienti. Di conseguenza, aumenterai le tue vendite. In questo articolo spieghiamo come applicare il ludicizzazione nel tuo e-commerce. Continua a leggere!

Gamification nell’e-commerce: come vendere di più

La gamification è l’uso delle meccaniche di gioco e del design dell’esperienza per motivare il pubblico e generare una maggiore connessione. Possiamo anche definirlo come l’applicazione di metafore di gioco. In altre parole, prendiamo queste metafore dal gioco e le integriamo nelle attività quotidiane per poter influenzare il comportamento dei nostri utenti, aumentare la motivazione e migliorare il coinvolgimento.

Con la gamification ci ispiriamo ai giochi ma lo applichiamo in ambienti che non lo sono. Si cerca sempre un cambiamento nel comportamento degli utenti.

In questo senso, ci sono quattro tipi di ludicizzazione, pura ludicizzazione, simulazione, advergaming e giochi seri. Vediamo quali sono attraverso esempi:

pura ludicizzazione

Innanzitutto c’è il pura ludicizzazione. Un esempio di pura gamification è la barra integrata nel profilo Linkedin con suggerimenti su cosa devono fare gli utenti per completare il proprio account. Alle persone piace portare a termine le attività e questo è un ottimo modo per motivare gli utenti a utilizzare di più il social network e quindi essere in grado di completare le informazioni “giocando”.

Simulazione

In secondo luogo, ci sono molti giochi o interfacce che sembrano giochi che simulano il mondo reale, come un simulatore operativo utilizzato da aspiranti chirurghi. I simulatori sono molto utili per poter interagire con situazioni reali ad alto rischio. Ad esempio, un’operazione in sala operatoria, pilotare un aereo da combattimento, pilotare una Formula 1, ecc. Il simulatore ti offre quell’esperienza e ti rende in grado di saltare quegli ostacoli per poter affrontare il mondo reale.

fare avversione

Terzo, abbiamo il fare avversione. Advergaming è l’uso di un gioco per scopi pubblicitari. L’obiettivo è generare coinvolgimento con un gioco divertente. Sai che le persone lo useranno e allo stesso tempo hai un impatto sul marchio perché mostri riferimenti e il tuo logo rimane sullo schermo.

Giochi seri

In quarto luogo, abbiamo il giochi seri. Questi sono giochi che hanno obiettivi di business. Ad esempio, possono essere orientati all’acquisizione di capacità di negoziazione. Questo è un altro modo per raggiungere un obiettivo aziendale, in questo caso sviluppando competenze specifiche o competenze trasversali, ma attraverso l’interfaccia di un gioco.

READ  Il nuovo logo Google, pensato per i dispositivi mobili

Come applicare strategie di gamification nel tuo e-commerce per vendere di più - gamificacionn

Perché dovresti usare la gamification nell’e-commerce

La dinamica ludica può affrontare le principali problematiche di un business online, sia attraverso l’implementazione di una strategia di gamification, sia come supporto per altre azioni pianificate per raggiungere i nostri obiettivi. Ecco alcuni motivi per cui dovresti usare la gamification nel tuo e-commerce:

Coinvolgimento e lealtà

Un modo per convincere un cliente a tornare da noi è offrire loro un’esperienza memorabile. Se, oltre ad essere soddisfatti del prodotto acquistato, hanno apprezzato il processo di acquisto, lo ripeteranno. Applicando tecniche di gamification come i programmi a punti, lo faremo tornare e, soprattutto, condividerlo con altri utenti.

Differenziazione

Le strutture per avviare un’attività online stanno causando un boom in questo tipo di società. La gamification può far distinguere il tuo negozio dagli altri e, soprattutto, può fornire valore aggiunto ai tuoi utenti.

più traffico

I giochi possono anche tornare utili per attirare traffico sul nostro sito web. Ad esempio, possiamo premiare quegli utenti che condividono di più i nostri prodotti, sia attraverso i social network che con altri mezzi.

Gamification Model Canvas come metodologia di base

Ora che sappiamo cos’è la gamification e i vantaggi che porta all’e-commerce, vediamo come realizzare un progetto di gamification con il Gamification Model Canvas.

Tela modello di ludicizzazione È una metodologia che ci consentirà di rispondere alle domande chiave in modo da poter applicare la gamification in qualsiasi e-commerce. Sebbene sembri simile al Business Model Canvas, è adattato a un progetto di sviluppo della gamification. Ma da dove iniziamo?

Come applicare strategie di gamification nel tuo e-commerce per vendere di più - canvas

1. Definisci gli obiettivi

Inizieremo con gli obiettivi. Quali sono gli obiettivi aziendali? Prima di iniziare a sviluppare un progetto di gamification per l’ecommerce, dobbiamo iniziare chiedendoci, tra l’altro:

  • Qual è l’impatto socio-economico che vogliamo risolvere? Abbiamo un problema di fedeltà? Abbiamo bisogno di più vendite?
  • Quali sono le metriche con cui misurerò se l’azione ha avuto successo? Quali sono i KPI?
  • Quali sono i risultati che speriamo di ottenere?

2. Definisci i giocatori

I giocatori sono gli utenti del sistema. dobbiamo capire chi sono e le diverse caratteristiche che possono avere per quanto riguarda la ludicizzazione. Per fare ciò, devi rispondere alle seguenti domande:

  • Chi sono i nostri giocatori?
  • Come stanno i nostri giocatori?
  • Cosa vogliono o cosa cercano i nostri giocatori?

Inoltre, dobbiamo anche capire quali sono le tue motivazioni. Le motivazioni sono molto importanti in qualsiasi progetto motivazionale. Esistono due tipi principali di motivazione:

  • Motivazione intrinseca: È quello che tutti abbiamo per qualcosa di specifico. Ad esempio, se ti piace lo sport, avrai una motivazione per farlo. Non hai bisogno di alcun incoraggiamento.
  • Motivazione estrinseca: Sono quelle cose che finiamo per fare perché ci motivano dall’esterno. Ad esempio, il lavoro: ti piace quello che fai, ma se non vieni pagato a fine mese, probabilmente non lo faresti.

Nell’e-commerce questo è molto ovvio, dal momento che ci sono campagne come il Black Friday o periodi di saldi che generano una motivazione estrinseca attorno al denaro.

infografica

ludicizzazione negli affari

Scaricamento

3. Rileva il comportamento

Una volta chiariti i nostri obiettivi e giocatori, entriamo nel mondo dei comportamenti. Quali sono i comportamenti che vogliamo che gli utenti abbiano?

READ  L'apprendimento online nella nuova normalità, un'opportunità per l'intelligenza artificiale?

Ad esempio, se quello che vogliamo è aumentare le vendite di un e-commerce, abbiamo bisogno che ne acquistino di più. Come posso convincere gli utenti ad acquistare di più? Dobbiamo rilevare quei comportamenti che sono prima del processo di vendita e generarli. Ecco alcuni esempi di tecniche per migliorare i comportamenti:

  • Guarda un video
  • rispondi a un sondaggio
  • Completa un modulo
  • Compra qualcosa
  • leggere un contenuto
  • consigliare qualcosa
  • Vai a una pagina web
  • leggi un’e-mail

4. Prenditi cura dell’estetica

Anche a livello di ludicizzazione è molto importante occuparsi dell’estetica. Alla fine, una delle cose più importanti dei giochi è che sono in grado di trasmettere sensazioni oltre il divertimento. Ti trasportano in un altro mondo, generano sensazioni di fantasia, narrativa, sfida, ecc. La chiave è vendere una narrazione, una storia.

Per farlo, possiamo giocare con i temi con cui generare una certa estetica in base a ciò che piace di più alla forza vendita. Ad esempio, se sono fan di Harry Potter, possiamo creare un gioco su questo tema.

5. Definisci dinamico

Le dinamiche sono sensazioni che vogliamo generare agli utenti. Possiamo cercare di generare un senso di stato per l’utente. Ad esempio, una sensazione di scarsità, creatività, altruismo, ricompensa, ecc. Più avanti vedremo come raggiungeremo quelle sensazioni.

6. Pensa ai componenti

Una volta che abbiamo le sensazioni che vogliamo generare nei nostri utenti, definiamo Come lo faremo. Ad esempio, se vogliamo provocare un senso di progressione, abbiamo alcuni componenti che ci consentono di farlo, come punti, una barra di avanzamento, livelli, ecc.

Se vogliamo generare un senso di completamento, cioè di completare le cose, posso avere risultati, sfide, ricompense, ecc. Come applicare strategie di gamification nel tuo e-commerce per vendere di più - canvass

7. Applicare la meccanica completa

In questo passaggio, dobbiamo pensare e determinare come farò da questi componenti che ho selezionato per sviluppare il comportamento appropriato. Ad esempio, se l’utente condivide il prodotto sui social network, gli do 50 punti. Se l’utente ha 500 punti, lo salgo di livello.

In questo passaggio, dobbiamo dire all’utente quale comportamento ci aspettiamo da lui e cosa gli darò in cambio.

Come applicare strategie di gamification nel tuo e-commerce per vendere di più - Capture

8. Scegli la piattaforma

Ora che abbiamo fatto il core, dobbiamo pensare quale piattaforma vogliamo usare per il nostro progetto di ludicizzazione. Se abbiamo un ecommerce, sarà sicuramente il negozio online, ma forse ci interessa che sia via email, whatsapp o sms.

Dovremo definirlo in base alle meccaniche di gioco sopra definite, ma anche in base a quali canali o piattaforme consentono una maggiore interazione con l’utente.

9. Calcola i costi

Infine, è il momento di calcolare i costi e l’investimento che questo progetto di gamification per l’e-commerce comporterà. Quanto budget abbiamo? Possiamo raggiungere i nostri obiettivi con quel budget? Quanto possiamo spendere?

Esempi di ludicizzazione nell’e-commerce

Ora diamo un’occhiata agli esempi di come stanno andando i diversi marchi ludicizzazione nell’e-commerce per raggiungere i tuoi obiettivi di business:

Esempio di marca Blue Banana

Blue Banana Brand è un brand creato da un gruppo di giovani dove vendono t-shirt e felpe online. Al Blue Banana Brand sono stati in grado di dominare le vendite Instagram e fare pubblicità tic toc in modo soddisfacente, dal momento che comprendono molto bene i social network.

READ  Vuoi dare impulso alla tua carriera professionale? Questa è la formazione più richiesta del 2020

Di recente hanno lanciato una campagna che è diventata virale su Instagram e ha ottenuto non meno di 1,5 milioni di commenti. Non solo, ma grazie a questo hanno aumentato di 100.000 follower e il 50% in più di vendite.

Si tratta di un’estrazione che mirava a generare un pubblico più ampio su Instagram, a cui è stato chiesto di condividere contenuti in cui veniva menzionato il marchio.

Hanno dato una svolta al concetto della lotteria. Hanno fatto una campagna in cui regalavano un viaggio per due persone e una felpa ogni 100 secondi. Hanno creato una meccanica di gioco in quanto ha coinvolto il pubblico inserendo diverse destinazioni tra cui scegliere e menzionando un amico nelle storie per aumentare la loro portata. Vale a dire, hanno trasformato una lotteria in un gioco.

Come applicare strategie di gamification nel tuo e-commerce per vendere di più: banana blu

Esempio di bonobo

Bonobos è un negozio online americano. In questo caso, hanno usato la meccanica “caccia al tesoro”, molto orientato a generare visualizzazioni di pagina e visite. Più visite vengono effettuate, maggiore è la probabilità di acquisto.

Questo marchio metteva diversi coupon di sconto che uscivano casualmente mentre gli utenti navigavano sul Web, in modo che gli utenti avessero una certa probabilità che durante la navigazione nella pagina ricevessero un piccolo sconto e una bassa probabilità di ottenere uno sconto enorme.

Il brand ha saputo comunicarlo molto bene, incoraggiando il pubblico ad entrare ogni tanto e cercare di vedere se navigando sul web riescono a trovare uno sconto che potrebbe interessargli. Questo è stato utilizzato anche da Victoria’s Secret.

Come applicare strategie di gamification nel tuo e-commerce per vendere di più - bonoba

Esempio di un insider di colpa

Infine, il brand Guilt Insider ha realizzato un progetto di gamification per il proprio ecommerce incentrato su aumentare la fedeltà.

Per fare ciò, hanno realizzato il tipico programma fedeltà in cui l’utente ha una serie di vantaggi per essere un membro, ma gli hanno dato una svolta e livelli aggiunti. Cioè, quando avvii il programma inizi con il sistema di base e hai pochi vantaggi. Man mano che guadagni punti, hai molti più vantaggi e sconti.

Man mano che ottieni di più, sali di livello e sblocchi funzionalità. Come marchio, questo ti consente di fare cose molto interessanti come vendite esclusive o vendite private. Ai suoi tempi, questo significava che molte persone volevano diventare premium per ottenere quell’esclusività.

Tutti questi tipi di cose giocano con lo stato delle persone e creano un valore tangibile, dal momento che non puoi pagare per accedere alle vendite un’ora prima, ad esempio. Hanno lavorato sulla fidelizzazione e sugli acquisti ricorrenti. Come applicare strategie di gamification nel tuo e-commerce per vendere di più - gamificaionnnn

Cosa ne pensi di questo articolo su come candidarsi strategie di gamification in un ecommerce per vendere di più? Lascia i tuoi commenti e condividi!

E se vuoi diventare un esperto di gamification, allenati con il Master in Gamification e Narrativa Transmediale. In questo programma imparerai, tra le altre cose, a conoscere le basi della gamification, le leggi del Game Design e le sue applicazioni al mondo degli affari, nonché come creare script transmediali e infine pianificarli, prototiparli ed eseguirli. Noi ti aspetteremo!

Torna su