Lean Change Management: come gestire il cambiamento in ambienti complessi

Lean Change Management: come gestire il cambiamento in ambienti complessi

Hai mai provato a realizzare una trasformazione e la risposta dell’ambiente ti ha costretto a reindirizzare o annullare il piano di cambiamento? Sei stato frustrato perché il team o l’organizzazione non comprendono i vantaggi dell’adozione del cambiamento proposto? Il mancato allineamento durante l’esecuzione delle modifiche ha generato incomprensioni e blocchi? Gestione del cambiamento snello nasce dalla necessità di disporre di una metodologia di gestione del cambiamento più flessibile basata sull’apprendimento convalidato, per eseguire i cambiamenti in ambienti di elevata incertezza.

In questo articolo ti spieghiamo le basi di questo framework innovativo e come puoi implementarlo nella tua organizzazione.

Potrebbe piacerti anche: Master in Agile Project Management

cos’è magro
Cambio gestione?

Lean Change Management è un framework di gestione del cambiamento creato da Jason Little, che si basa su Valori e principi Lean e Agilee che utilizza anche strumenti e tecniche di Lean Startup e Design Thinking.

Come con Lean Startup, l’obiettivo è abbreviare i cicli di sviluppo del prodotto attraverso l’uso di ipotesi e apprendimento convalidato, in Lean Change Management costruiremo il cambiamento in modo iterativoe useremo il feedback in brevi cicli per imparare e adattarsi più velocemente alla risposta dell’ambiente ai cambiamenti introdotti.

Il framework è particolarmente utile in contesti in cui vi è un livello di incertezza medio o alto, quelli che secondo Cynefin sono noti come ambienti complessi, come il caso di trasformazione digitale di una grande azienda. In questi contesti i risultati diventano più imprevedibili; Non è possibile trovare un manuale di buone pratiche per gestire le situazioni in cui potremmo trovarci. Ecco perché è così prezioso avere un quadro che ci permetta di ispezionare e adattare le pratiche da applicare nella gestione del cambiamento.

READ  “Quattro dipendenti su cinque hanno idee per migliorare il business, ma un terzo ritiene che le loro proposte vengano ignorate”

L’approccio di Lean Change Management è, quindi, il seguente: non possiamo controllare il cambiamento in ambienti complessi, quindi basarci su un piano di gestione del cambiamento lineare, a medio o lungo termine può essere controproducente.

Al contrario, la proposta del Lean Change Management è da eseguire esperimenti e hack di cultura in modo iterativo, in modo da poter garantire l’allineamento durante tutto il processo di cambiamento e imparare dai risultati in brevi iterazioni, al fine di adattarci meglio alla risposta dell’ambiente.

Lean Change e l’importanza di co-creare il cambiamento

Non tutto in Lean Change Management è un’iterazione. Uno dei principi Agile su cui si basa questo framework è l’empowerment. Nel processo di trasformazione, dobbiamo responsabilizzare le persone nel prendere decisioni e costruire la loro nuova realtà. Co-creare il cambiamento con le persone colpite da esso ci consentirà di:

  • Generare una maggiore comprensione della necessità di cambiamento nelle persone colpite.
  • Ottieni un intuizione più profonda dell’ambiente su cui il cambiamento avrà un impatto.
  • Raggiungere una maggiore motivazione durante tutto il processo di cambiamento e, quindi, a maggiori possibilità di successo lungo termine.
  • Garantire l’allineamento durante tutto il processo, se abbiamo persone di diversi assi nel co-creazione.

Come posso implementare Lean
Modificare Management in un processo di trasformazione?

I passaggi da seguire per implementare il framework in un processo di cambiamento sono i seguenti:

  1. Definizione dello scopo del cambiamento: È necessario definire e comunicare efficacemente qual è la motivazione del cambiamento, come misureremo i progressi e chi influirà nel nostro ambiente. Per fare ciò, possiamo fare affidamento su alcuni strumenti come lo Startegic Change Canvas.
  2. Garantire l’allineamento: Attraverso la comunicazione del progresso e strumenti come il Perspective Mapping, dobbiamo garantire l’allineamento delle prospettive di cambiamento tra i diversi assi dell’organizzazione. Questo ci aiuterà a evitare malintesi e mancanza di standardizzazione durante il processo di adozione del cambiamento.
  3. Generazione di una rete di Agenti di cambiamento: per la co-creazione del cambiamento, avremo bisogno di persone dell’ambiente che siano i nostri catalizzatori, che ci aiutino a capire la diversità e il grado di incertezza del contesto e che partecipino alla generazione di ipotesi per gli esperimenti.
  4. Eseguire il ciclo di Lean Change Management: raccolta di approfondimenti, proposta di opzioni ed esecuzione di esperimenti e hack culturali. Per fare ciò, utilizzeremo diversi strumenti e tecniche basate su metodologie come Lean Startup e valutazioni di gestione del cambiamento.
READ  Trend post-coronavirus: cambiamenti economici, di consumo e sociali, quale sarà il loro impatto?

Questo framework può essere utilizzato in ambienti molto diversi: dai team alle grandi aree aziendali, poiché si basa sull’esecuzione di piccole modifiche che mirano a uno scopo strategico chiaro e per garantire l’allineamento. In questo modo si impara l’effetto di ogni esperimento per adattare il processo di trasformazione.

Webinar “Gestire il cambiamento nella tua azienda con il Lean Change Management”

Questi tipi di metodologie non si imparano dall’oggi al domani, se vuoi formarti per intraprendere il cambiamento nella tua azienda, fallo con il nostro Master in Digital Project Management.

Torna su