Finanza per principianti II: Differenza tra entrate, spese e risultati

Seconda puntata della serie finanza per principianti. Sei pronto a sapere quali sono le differenze tra entrate, spese e risultati dell’azienda? Continua a leggere e prendi nota.

Indice dei contenuti:

Non possiamo sostenere che l’obiettivo principale della maggior parte delle aziende sia fare soldi, o ciò che possiamo chiamare, generare risorse o ricchezza. Per generare ricchezza, la prima cosa è ottenere profitti, il che implica che il risultato dell’azienda sia positivo. Ci sono società senza scopo di lucro in cui ottenere profitti non è il loro obiettivo principale, anche se è fondamentale non ottenere un risultato troppo negativo, che ne ostacolerebbe il funzionamento. In questo articolo ci proviamo spiegare qual è il risultato dell’azienda e come viene calcolato.

Reddito

Le aziende cercano di aumentare le proprie risorse o il proprio patrimonio attraverso la vendita dei propri prodotti o servizi ai propri clienti, e per questo chiedono loro un corrispettivo che è la raccolta. Per le aziende, il loro reddito principale è costituito da queste vendite. Le entrate, quindi, sono quelle operazioni che aumenteranno le risorse o la ricchezza dell’azienda. Ci sono altri ricavi oltre alle vendite poiché possono essere causati da altri concetti, come l’interesse che può essere ricevuto dalle banche per gli investimenti effettuati dall’azienda.

Ora possiamo vedere le principali tipologie di reddito che un’azienda può avere:

  • Reddito operativo. Si generano con l’attività tipica dell’azienda:
  • I saldi. Sono le fatture che vengono emesse quando viene consegnato un bene o viene fornito un servizio ai clienti.
  • Contributi operativi. Denaro concesso dalle pubbliche amministrazioni per favorire l’attività dell’impresa. Possiamo trovare sussidi per esportare l’azienda negli Stati Uniti, in Cile,…
  • Locazioni o, comunemente, affitti di immobili aziendali.
  • Commissioni per la prestazione di servizi. Potremmo scoprire che l’azienda svolge servizi di intermediazione, ovvero contattando un acquirente e un venditore, per questo motivo solitamente addebita denaro.
  • Reddito eccezionale. Sono quei redditi che non sono legati all’attività tipica dell’impresa.
  • Vendita di immobili. Quando l’azienda non ha come attività principale la vendita di locali, si ricava denaro dalla vendita di un locale di proprietà dell’azienda. Questo è un reddito eccezionale.
  • Reddito finanziario. Sono legati al rapporto che l’azienda ha con gli istituti di credito e il denaro si genera investendolo in questo istituto. Possiamo trovarci in azienda con qualche interesse che l’azienda riceve per avere soldi in un conto a tempo determinato.
READ  IEBS analizza il futuro della finanza digitale al Blockchain & Fintech Day

Tutte le aziende cercano di aumentare il più possibile il proprio reddito con le risorse che hanno a disposizione, al fine di migliorare il risultato ottenuto dall’azienda.

Spese

Le spese sono la conseguenza degli sforzi compiuti dalle aziende per ottenere reddito. Pertanto, le spese ridurranno le risorse o la ricchezza dell’azienda. Per poter vendere un prodotto o un servizio si verificano determinati deflussi di denaro dall’azienda, come gli stipendi dei lavoratori o l’acquisizione di materiali che compongono un determinato prodotto.

Una volta vista la definizione delle spese, possiamo vedere le principali tipologie che un’azienda può avere:

  • Spese operative. Sono quelli che sono generati dall’attività stessa dell’azienda:
  • Consumo di materie prime. È l’importo che paghiamo per essere forniti con i diversi materiali e articoli per un prodotto da produrre.
  • Locazione o locazione dei locali che l’azienda ha appaltato.
  • Riparazioni di qualsiasi genere di macchine, impianti, veicoli, ecc.
  • Servizi di professionisti indipendenti. Corrispondono agli onorari di consulenti, revisori dei conti, avvocati, agenzie e altri professionisti che prestano i loro servizi alla nostra azienda.
  • Trasporto. Viene generato come pagamento tramite corriere.
  • premi assicurativi. Viene generato come pagamento per l’assicurazione dei locali, l’assicurazione del veicolo, …
  • Pubblicità, propaganda e pubbliche relazioni. È generato per promuovere l’azienda.
  • forniture. È generato nel concetto di acqua, gas, elettricità e telefono.
  • Spese generali. Viene generato per forniture per ufficio, benzina per veicoli aziendali, biglietti per ristoranti,…
  • omaggi. Sono le tasse pagate alle pubbliche amministrazioni.
  • spese del personale. Sono i salari e gli stipendi e gli oneri sociali dei lavoratori dell’azienda.
  • Usura di strutture, mobili e macchinari chiamati ammortamenti che approfondiremo in un altro articolo. Può essere definita come la perdita di valore prodotta dall’uso, dall’obsolescenza o dal passare del tempo.
  • Spese eccezionali. Si tratta di spese non legate all’attività della società. Come sarebbero le perdite che sono state generate dalla vendita di un veicolo aziendale.
  • Spese finanziarie. Sono quegli interessi e le commissioni che gli enti creditizi ci addebitano per i servizi finanziari che forniscono.
READ  Che cos'è l'investimento ESG e quali tipologie esistono?

Nel caso opposto del reddito, tutte le aziende cercano di ridurre le proprie spese, poiché in questo modo possono migliorare il risultato che ottengono.

Il risultato

Per effetto delle operazioni svolte in azienda, come abbiamo visto, si producono proventi e oneri, la differenza derivante dal risultato aziendale.

Normalmente il periodo che viene preso a riferimento per effettuare il calcolo è solitamente di dodici mesi che coincidono con l’anno solare, cioè dal 1 gennaio al 31 dicembre. Pertanto, si può dire che questo periodo è chiamato anno contabile, intendendo il periodo di un anno.

Il risultato è la differenza tra le entrate e le spese dell’azienda. Se il reddito supera le spese, otterremo un risultato positivo, quindi benefici. Diversamente, se le spese superano le entrate, otterremo un risultato negativo, quindi perdite.

Possiamo vederlo meglio con un esempio:

Se un’azienda ha un reddito di vendita di 300 euro, e spese di 180 euro per l’acquisto di materiali per realizzare il suo prodotto, il risultato ottenuto sarà un profitto di 120 euro.

Se invece il reddito di questa società fosse stato di 400 euro da vendite, e avesse avuto spese di acquisto di 510 euro, il risultato della società sarebbe stato una perdita di 110 euro.

Se hai trovato il nostro interessante tutorial di finanza per principianti Condividi con i tuoi amici. Se ti piace la finanza aziendale, i finanzieri continuano a essere una delle posizioni che raggiungono i livelli più alti nelle organizzazioni e se vuoi formarti, perché non consultare il nostro Master in Gestione e controllo finanziari presso IEBSchool. Non esaurire il tuo posto volano!

READ  Come applicare la Business Intelligence all'analisi finanziaria

Articoli correlati:

Torna su